Il Papa ha detto che nei seminari ci sono già tanti froci, secondo i media italiani

Il Papa ha detto che nei seminari ci sono già tanti froci, secondo i media italiani
Il Papa ha detto che nei seminari ci sono già tanti froci, secondo i media italiani

Il Papa ha fatto riferimento “c’era già un sacco di frocio” per difendere la posizione di non ammettere gli omosessuali nei seminari, nel corso della riunione a porte chiuse dell’assemblea della Conferenza Episcopale Italiana, secondo quanto riportato lunedì da alcuni media italiani.

(Si legge: Il corpo di Carlo Acuti è incorrotto? Così fu visto il ‘santo millenario’ l’ultima volta che fu aperta la sua tomba).

Il Papa avrebbe usato la parola dispregiativa in italiano ‘frocciagine’ (frocio) durante l’incontro con i vescovi italiani del 20 maggio. Il pontefice lo aveva pubblicato sul sito Dagospiain cui presumibilmente fa esclusive informative, ma questo lunedì, 27 maggio, alcuni media italiani come Corriere della Ser E Repubblica Hanno confermato il mandato alla presenza di alcuni vescovi.

Quando il Papa ha menzionato quel terminesi è discusso se e in quale misura i candidati apertamente gay siano ammessi ai seminari.quindi ha ribadito la necessità di accogliere tutti nel mezzo, essendo molto rigido al riguardo.

Più che imbarazzo, la frase fu accolta con qualche risata incredula (…)

Secondo il giornale La Repubblicache cita diverse fonti anonime che concordano con la sua versione, il Papa, scherzando, ha detto che “c’era già molta frocio” nei seminari.

Il Corriere della Sera spiega che, secondo i media consultati, “più che vergogna, la frase è stata accolta con qualche risata incredula” e che “più che vergogna, la frase è stata accolta con qualche risata incredula”.

​(Anche: La richiesta di Papa Francesco alle Forze Militari: chiede ‘di mettere le armi al servizio della pace e della fraternità’).

Il Papa ha ribadito la posizione della Chiesa con una istruzione del Dicastero del Clero che nel 2005, con Benedetto XVI, e confermata nel 2016, stabilendo così che “la Chiesa, nel profondo rispetto delle persone in questione, non può ammettere nel seminario e nell’Ordine Sacro coloro che praticano l’omosessualità, hanno tendenze omosessuali profondamente radicate o sostengono la cosiddetta cultura gay”.

​A novembre, nell’assemblea di Assisi, i vescovi italiani hanno approvato un testo per regolare l’ammissione ai seminari, la ‘Ratioformationis sacerdotalis’, che non è stato ancora pubblicato perché si attende il via libera dalla Santa Sede.

Questo documento include un emendamento che mantiene il distinzione tra l’orientamento omosessuale semplice e le cosiddette “tendenze radicate”.vale a dire, Un omosessuale può essere ammesso purché dia garanzie, come un eterosessuale, di saper mantenere la disciplina del celibato.

Tuttavia, Il Papa avrebbe, secondo queste ricostruzioni, rifiutato questa possibilità e gli omosessuali non dovrebbero essere ammessi nei seminari senza sfumature.

EFE

Altre novità su EL TIEMPO

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’estrema destra francese promette di migliorare l’economia se arrivasse al potere
NEXT Palestina. Rapporto: parenti dell’80% degli abitanti di Gaza morti o feriti