L’attacco al campo di Rafah non ha oltrepassato la linea rossa di Biden sul sostegno degli Stati Uniti a Israele, afferma la Casa Bianca

(CNN) — Il presidente Joe Biden non modificherà la sua politica nei confronti di Israele a seguito di un attacco che ha ucciso più di 45 persone, ha detto martedì la Casa Bianca, suggerendo che l’incidente non ha ancora superato la linea rossa che costringerebbe a cambiamenti nel sostegno degli Stati Uniti.

Invece, il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha detto che gli Stati Uniti cercheranno risposte da Israele in seguito alle indagini del paese sull’incidente, che ha descritto come “straziante”.

“A seguito dell’attacco di domenica, non ho alcun cambiamento politico di cui parlare. È semplicemente successo”, ha detto Kirby ai giornalisti alla Casa Bianca. “Gli israeliani indagheranno sulla questione. Saremo molto interessati a ciò che troveranno in quell’indagine. E vedremo dove andrà da lì.

È stata finora l’indicazione più chiara che Biden non è ancora arrivato al punto in cui prenderà in considerazione la sospensione delle spedizioni di armi o di altra assistenza a Israele, nonostante abbia affermato in un’intervista alla CNN all’inizio di questo mese che non avrebbe permesso che alcune armi americane fossero usate in Israele. una grande offensiva a Rafah.

Mentre Kirby ha invitato Israele a prendere precauzioni per proteggere le vite dei civili e ha avvertito che c’è il pericolo che Israele si isoli ulteriormente dai suoi alleati tradizionali, ha affermato che non c’erano ancora indicazioni che avesse intrapreso una campagna militare che avrebbe portato Biden a trattenere aiuti o armi.

Martedì i carri armati israeliani sono stati visti nel centro di Rafah per la prima volta nella guerra di sette mesi di Israele contro Hamas, segnalando una nuova fase della sua offensiva mentre Israele va avanti nonostante la crescente pressione internazionale.

Durante il fine settimana, Israele ha lanciato un attacco aereo su un campo profughi nella città meridionale di Gaza, uccidendo decine di persone e scatenando l’indignazione globale. Secondo Israele nell’attacco sono morti anche due leader di Hamas.

Le immagini ottenute dalla CNN mostravano il campo in fiamme, con decine di uomini, donne e bambini che cercavano freneticamente di trovare rifugio dopo l’attacco notturno. I soccorritori hanno estratto dalle macerie i corpi bruciati, compresi i bambini.

“La parola tragico non si avvicina nemmeno lontanamente a descriverlo”, ha detto martedì il vicepresidente Kamala Harris dell’incidente, rifiutandosi di rispondere quando gli è stato chiesto se fosse stata superata la linea rossa.

Nonostante ciò, Kirby ha detto che le azioni di Israele nella città meridionale di Gaza finora non sono equivalse ad una grande operazione di terra, definendo uno scenario come l’ingresso di migliaia di soldati nel sito.

“Se ciò dovesse accadere, potrebbe costringerlo a prendere decisioni diverse in termini di supporto. Non abbiamo visto ciò accadere a questo punto”, ha detto Kirby.

Biden non ha commentato pubblicamente nessuno degli sviluppi, ma è stato tenuto informato sulle azioni intraprese all’interno di Israele durante il fine settimana, ha detto Kirby.

La risposta degli Stati Uniti rivela un netto contrasto con quella dei leader europei e di altri paesi, che hanno condannato fermamente le azioni di Israele e hanno chiesto la fine della violenza a Gaza.

Il presidente francese Emmanuel Macron si è detto “indignato” per gli attacchi e ha chiesto la sospensione delle operazioni a Rafah.

“Non ci sono aree sicure a Rafah per i civili palestinesi”, ha detto lunedì. “Chiedo il pieno rispetto del diritto internazionale e un cessate il fuoco immediato”.

Martedì, in una conferenza stampa, il portavoce delle forze di difesa israeliane, il contrammiraglio Daniel Hagari, ha detto che Israele sta studiando la possibilità che l’attacco di domenica abbia inavvertitamente innescato possibili armi immagazzinate in un vicino complesso e successivamente abbia causato un grande incendio che ha decimato il campo degli sfollati.

Kirby ha suggerito che gli Stati Uniti prenderanno in considerazione la valutazione di Israele sull’incidente mentre cercano una via da seguire.

“Non siamo a terra. Non voliamo sull’aereo. Non scegliamo gli obiettivi. Non forniamo l’intelligence che porta a tutti gli obiettivi che la società israeliana deve raggiungere. “È la loro operazione”, ha detto. “I loro soldati coinvolti, le loro capacità, i loro piloti, hanno l’obbligo di esaminare da soli la questione e lo faranno, e noi daremo un’occhiata e vedremo cosa dice.”

Gli Stati Uniti “osservano da vicino” i risultati dell’indagine israeliana sull’attacco mortale e il successivo incendio a Rafah “da vicino”, ha detto martedì il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller, affermando che i risultati dovrebbero “essere presentati a noi in modo aperto e trasparente”. al mondo.”

“Non appena gli Stati Uniti hanno visto la notizia di questo incidente, abbiamo contattato il governo israeliano per esprimere la nostra profonda preoccupazione per quanto accaduto, chiedere maggiori informazioni e esortarli ad avviare un’indagine completa”, ha affermato.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT L’ONU e l’Unione Europea hanno manifestato il loro sostegno alla nuova proposta israeliana di cessate il fuoco a Gaza