Avvertono che l’aumento delle temperature oceaniche potrebbe intensificare la stagione degli uragani

Avvertono che l’aumento delle temperature oceaniche potrebbe intensificare la stagione degli uragani
Avvertono che l’aumento delle temperature oceaniche potrebbe intensificare la stagione degli uragani

Secondo i climatologi, le temperature dell’Atlantico tropicale sono più calde che mai. (Rianalizzatore climatico)

IL temperature oceaniche senza precedenti registrato in 2023 hanno rappresentato seri rischi per la stagione degli uragani, avvertono gli specialisti. I dati indicano che dall’inizio dell’anno, il oceani hanno costantemente battuto i record per calore quotidianoun fenomeno che preoccupa climatologi, esperti di barriere coralline e meteorologi USA OGGI.

Nel Regione atlantica Dove si sviluppa la maggior parte degli uragani, le temperature dell’acqua sono insolitamente alte. Brian McNoldyricercatore del Università di Miamiha definito queste temperature “assolutamente impressionanti”, sottolineando che il acque atlantiche tropicali Sono più caldi che mai in questo periodo dell’anno, secondo la stessa fonte.

Gli oceani caldi e le temperature elevate della superficie del mare fungono da aumento di ottano per la stagione degli uragani. Questo aumento fornisce il combustibile necessario per la formazione e l’intensificazione degli uragani e tempeste tropicali mentre si muovono sull’oceano.

IL acque più calde del normale nel atlantico Lui caraibico e il Golfo del Messico Svolgono un ruolo di primo piano in tutte le prospettive stagionali per la stagione degli uragani nell’Atlantico, che inizia il 1° giugno. McNoldy notato che queste temperature sono tipiche di metà agosto, e che il caraibico sta vivendo condizioni estreme.

L’aumento di temperature oceaniche è stato registrato nel Nord Atlantico. Secondo i dati satellitari dell’istituto, durante quattro giorni tra aprile e maggio la temperatura media dell’acqua è scesa di appena un decimo di grado al di sotto del record giornaliero dell’anno scorso. Rianalizzatore climatico del Università del Mainebasato sul NOAA, secondo la stessa piattaforma.

L’anno precedente, il taglio del vento verticale causato dal cambiamento dei venti Il ragazzo dentro l’oceano Pacifico ha limitato l’attività degli uragani nell’Atlantico. Nonostante ciò, la stagione degli uragani dello scorso anno è stata una delle più attive mai registrate, con sette uragani e 20 tempeste nominate, secondo lo strumento meteorologico.

L’aumento della temperatura dell’oceano funge da carburante per gli uragani. (NOAA)

Quest’anno, la mancanza di tale protezione è dovuta al cambiamento di uno schema Il ragazzo A La ragazza, che riduce il wind shear nell’Atlantico, ha aumentato le preoccupazioni dei meteorologi. La comunità scientifica lo teme questa stagione è particolarmente pericolosasecondo la stessa risorsa.

IL temperature oceaniche più calde hanno anche contribuito al massiccio sbiancamento del barriere coralline. Inoltre, queste condizioni sono responsabili dell’aumento dei tappetini alghe sargassoche ricoprono le spiagge e provocano cattivi odori, nonché la proliferazione di alghe nocive e la morte dei pesci, secondo la fonte citata.

Il calore dell’oceano Ha anche migliorato l’umidità disponibile per i temporali, il che ha contribuito all’aumento dell’attività dei tornado questa primavera. Lo sbiancamento dei coralli e altri problemi ambientali evidenziati dagli esperti sono stati esacerbati da questi fenomeni temperature insolito, secondo lo strumento di analisi.

IL temperature medie globali della superficie del mare nel Nord Atlantico giovedì ha raggiunto i 22,3°C, superando di 1,3°C la media 1982-2011, secondo i dati dell’Agenzia Rianalizzatore climatico del Università del Mainesecondo la stessa piattaforma.

Phil Klotzbachricercatore presso l’ Università statale del Coloradoha affermato che la principale regione di sviluppo dei cicloni tropicali dell’Atlantico ha registrato temperature di quasi 1°C più elevate rispetto a qualsiasi altro anno dal 1982. Questi temperature Secondo la risorsa di cui sopra, sono 1,4°C sopra la media del periodo 1991-2020.

L’aumento di temperature oceaniche è stato collegato a un maggior numero di tempeste previste da istituzioni come la Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica (NOAA) e il Università statale del Colorado. Le temperature record non garantiscono una stagione intensama secondo l’analisi climatica ne influenzano notevolmente lo sviluppo.

Michael Lowryspecialista degli uragani WPLG locale 10 a Miamilo affermo anomalie di temperatura nelle acque dell’Atlantico Sono i più alti registrati prima della stagione degli uragani. Sono temperature Secondo la stessa analisi, contribuiscono alla formazione di grandi strutture nuvolose che intensificano gli uragani.

L’acqua calda nel Golfo del Messicoad esempio, è stato un fattore importante nel sovraccarico di tempeste come quella Uragano Katrina. È stato anche correlato a forti piogge durante i temporali come l’uragano Harvey e con la rapida intensificazione degli uragani, secondo l’analisi del Università del Maine.

La stagione degli uragani potrebbe essere più pericolosa a causa del passaggio da El Niño a La Niña. (EFE/NASA Johnson)

Il persistente aumento di temperature oceaniche è principalmente attribuito a il riscaldamento globale causati dalle emissioni di combustibili fossili. Altri fattori includono Il ragazzo e l’eruzione del vulcano Hunga Tonga nel 2022, secondo lo strumento sul clima.

Gli scienziati hanno osservato che i deboli Alisei negli ultimi mesi hanno contribuito a temperature più calde del normale nella principale regione di sviluppo degli uragani nell’Atlantico. Sebbene queste temperature possano diminuire, rimarranno comunque al di sopra della media storica, secondo la stessa risorsa.

Brian McNoldy hanno indicato che non è previsto un ritorno alle temperature medie nel breve termine. Con l’avvicinarsi del picco della stagione degli uragani in luglio e agosto, i massimi temperature dell’acqua potrebbe aggravare i danni non solo attraverso gli uragani, ma anche colpire gravemente le barriere coralline USA OGGI.

In alcune stazioni del Chiavi della Florida e il Parco nazionale delle Everglades sono già state registrate temperature dell’acqua prossime ai 32° C.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Cubaindustria 2024 ospiterà una dozzina di convegni
NEXT dal fine settimana di Mauricio Macri nel 2018 a quello di Javier Milei sei anni dopo