Francia: chi è Jordan Bardella, il 28enne figura dell’estrema destra che trascina il voto dei giovani

Francia: chi è Jordan Bardella, il 28enne figura dell’estrema destra che trascina il voto dei giovani
Francia: chi è Jordan Bardella, il 28enne figura dell’estrema destra che trascina il voto dei giovani

Ha 28 anni ed è la nuova stella della politica francese. Con enorme popolarità tra i giovani, Giordano Bardella È considerato in gran parte responsabile della vittoria del Rassemblement National/RN, partito di estrema destra, alle elezioni legislative di domenica.

Il suo nome era in testa alla lista degli eurodeputati e il suo volto era la figura visibile della campagna dell’ala radicale della destra francese. Presidente Emanuele Macron, gravemente ferito dopo la battuta d’arresto elettorale, ha indetto elezioni anticipate, in due turni, per il 30 giugno e il 7 luglio. Adesso il nome di Bardella sarà ancora una volta in prima linea nel nuovo processo elettorale che si avvicina.

Leggi anche: Elezioni in Europa: la crescita della destra radicale lascia feriti e condiziona l’agenda futura dell’UE

L’obiettivo è chiaro: il partito fondato dallo storico Jean-Marie Le Pen Cercherà di prendere il potere in Francia per la prima volta. Come? Se riuscirà a controllare il Parlamento, potrà imporre un primo ministro e un governo adattato alle sue esigenze. Macron sarebbe ridotto a una semplice figura di stato, ma senza alcun potere esecutivo interno. Le elezioni presidenziali sono previste per il 2027.

Chi è Jordan Bardella, la giovane promessa della destra radicale francese

“Noi prenderemo il posto di Emmanuel Macron”, aveva previsto Bardella lo scorso 5 novembre dopo essere stato eletto nuovo presidente del Gruppo Nazionale. La sua vittoria alle primarie è stata storica. È infatti lui il primo leader dell’ex Fronte Nazionale a non portare il cognome Le Pen, quello del suo fondatore e di sua figlia ed erede politica, Marine Le Pen. Ma Bardella è strettamente legato alla dinastia familiare: ha una relazione con Nolwenn Oliviernipote del suo mentore politico.

“È un giovane politico succeduto a Marine Le Pen e che ha seguito la sua strategia di ‘dediabolizzazione“del partito che per lungo tempo, durante la guida di Jean-Marie Le Pen, ha avuto connotazioni di estrema destra vicine a quella che fu la collaborazione con il fascismo durante la seconda guerra mondiale o con l’estrema destra nella guerra d’Algeria”, ha affermato A TN l’analista francese Yann Bassetprofessore di Scienze Politiche all’Università del Rosario, Bogotá.

Marine Le Pen e Jordan Bardella, figure della destra radicale francese (Foto: Reuters)Di: REUTERS

Infatti, Marine Le Pen ha espulso il suo controverso padre dal partito nel 2015, poi richiamato Fronte nazionale e che lui stesso aveva fondato nel 1972. Tre anni dopo cambiò il nome in Gruppo Nazionalenel tentativo di ripulire la cattiva immagine che aveva accompagnato il movimento in gran parte dell’elettorato, soprattutto a causa delle posizioni estreme e controverse del padre, come le sue dichiarazioni negazioniste sull’Olocausto.

“Bardella è un dirigente diverso, giovane, che ha fatto un grande sforzo per mostrare un’immagine serena e diversa. Ciò ha permesso al partito di crescere e di ottenere questa vittoria con il 30% dei voti” alle elezioni europee, ha affermato Basset.

Leggi anche: Dietro la guerra delle mongolfiere tra le due Coree c’è molto più che spazzatura ed escrementi

Nato a Drancy, alla periferia di Parigi, è figlio unico. Sua madre, impiegata pubblica, emigrò in Francia negli anni ’60 da Torino, nel nord Italia; Suo padre, un piccolo imprenditore locale, è francese, ma il suo cognome tradisce le sue origini italiane. Tuttavia, il padre di sua nonna paterna era algerino.

Con gli studi di geografia incompiuti alla Sorbona, Bardella si dedicò alla politica fin da giovanissimo, a soli 17 anni. Il suo approccio alla famiglia Le Pen è stato guidato dalla sua relazione con la nipote di Jean-Marie Le Pen e di Marine, che ha portato ad alcune domande interne.

Ma la sua crescita è stata fulminea. È diventato portavoce del partito per la prima volta dopo le elezioni presidenziali del 2017. È stato poi portavoce di Marine Le Pen e presidente di Generation Nation, l’ala giovanile della destra radicale. Poco dopo diventa vicepresidente del partito e arriva al Parlamento europeo nel 2019. Oggi è presidente del gruppo e una delle figure più carismatiche della politica nazionale.

La sua gioventù attira il voto dei giovani francesi, sempre più insoddisfatti dei partiti tradizionali, come sta accadendo in tutta Europa e in gran parte del mondo occidentale. Oggi Bardella rappresenta il rinnovamento del partito. Marine Le Pen, l’esperienza e la figura che tira le fila del potere. Ora resta da vedere chi dei due tenterà di raggiungere l’Eliseo nel prossimo futuro.

«L’idea è che la candidata sia Marine Le Pen, ma il successo di Bardella potrebbe forse risvegliare le sue ambizioni», ha concluso Basset.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV 4 chiavi per comprendere i buoni risultati che la destra ha ottenuto alle elezioni europee
NEXT La scalinata alta 800 metri che in Norvegia è un’attrazione: ‘non per i deboli di cuore’