La Corea del Sud ha confermato che Kim Jong-un sta installando i propri altoparlanti di propaganda lungo il confine

La Corea del Sud ha confermato che Kim Jong-un sta installando i propri altoparlanti di propaganda lungo il confine
La Corea del Sud ha confermato che Kim Jong-un sta installando i propri altoparlanti di propaganda lungo il confine

Soldati sudcoreani lavorano su un altoparlante predisposto per trasmissioni di propaganda durante un’esercitazione militare vicino alla zona demilitarizzata che separa le due Coree a Paju, Corea del Sud, in questa immagine fornita dal Ministero della Difesa e pubblicata il 9 giugno 2024. Ministero della Difesa /Brochure tramite REUTERS

L’esercito della Corea del Sud ha detto lunedì che sta rilevando segnali che la Corea del Nord sta installando i propri altoparlanti lungo il suo confine pesantemente armato, un giorno dopo che il Sud ha diffuso per la prima volta dopo anni trasmissioni di propaganda anti-Pyongyang attraverso i suoi altoparlanti mentre i rivali sono impegnati nella Guerra Fredda. stile guerra psicologica.

La ripresa delle trasmissioni in altoparlante da parte del Sud domenica è stata una rappresaglia per l’invio da parte del Nord di oltre 1.000 palloncini pieni di spazzatura e letame nelle ultime due settimane. La Corea del Nord ha descritto la sua campagna di palloncini come una colpo per colpo contro i gruppi civili sudcoreani che inviano volantini di propaganda anti-Corea del Nord oltre confine. Pyongyang lo condanna da tempo perché estremamente sensibile a qualsiasi critica esterna al governo autoritario del leader Kim Jong Un.

I capi di stato maggiore congiunti di Seul non hanno commentato immediatamente il numero di presunti parlanti nordcoreani o dove sono stati visti stabilirsi lungo il confine. Ha detto che gli oratori sono rimasti in silenzio a partire da lunedì pomeriggio.

Corea del Sud ha attivato i suoi altoparlanti domenica per una trasmissione iniziale in Corea del Nord, che secondo quanto riferito includeva notizie, critiche al governo nordcoreano e musica pop sudcoreana.

Un soldato sudcoreano lavora su un altoparlante impostato per le trasmissioni di propaganda durante un’esercitazione militare vicino alla zona demilitarizzata che separa le due Coree a Paju, Corea del Sud, in questa immagine fornita dal Ministero della Difesa e pubblicata il 9 giugno 2024. Ministero della Difesa/Dispensa tramite REUTERS

Alcune ore dopo, domenica, la potente sorella di Kim ha avvertito che il Sud stava creando “un preludio a una situazione molto pericolosa”. Ha detto che la Corea del Sud sarebbe testimone di una non specificata “nuova risposta” da parte del Nord se continuasse le trasmissioni e non riuscisse a impedire agli attivisti civili di inviare volantini di propaganda anti-nordcoreana oltre confine.

“Avverto severamente Seul di indagare immediatamente sulle sue attività pericolose che provocherebbero ulteriormente una crisi conflittuale”, ha detto Kim Yo Jong attraverso i media statali.

Lee Sung Joon, portavoce dei capi di stato maggiore congiunti della Corea del Sud, ha dichiarato: I commenti di Kim rappresentavano un’accresciuta minaccia verbale da parte della Corea del Nord, ma non ha fornito una valutazione specifica sulle azioni che il Nord potrebbe intraprendere. Lee ha detto che il Sud sta conducendo trasmissioni in luoghi dove i soldati hanno protezione sufficiente e sono attrezzati per rispondere rapidamente se attaccati.

“(Noi) non pensiamo che possano provocarci così facilmente”, ha detto Lee durante un briefing lunedì.

Questa foto scattata il 9 giugno 2024 e fornita dal Ministero della Difesa della Corea del Sud mostra un oggetto non identificato, ritenuto essere un pallone pieno di spazzatura nordcoreana, sulla superficie del fiume Han vicino al ponte Jamsil a Seul. La Corea del Nord ha inviato centinaia di palloncini pieni di spazzatura oltre confine in un nuovo bombardamento, hanno detto le forze armate di Seoul il 9 giugno, mentre i bombardamenti di palloncini tra i due vicini accelerano. (Foto di Handout / Ministero della Difesa sudcoreano / AFP)

I capi di stato maggiore congiunti non hanno specificato l’area di confine in cui si è svolta la trasmissione di domenica o cosa è stato trasmesso dagli altoparlanti. Disse Eventuali ulteriori trasmissioni “dipenderanno interamente dal comportamento della Corea del Nord”.

Il Sud ha rimosso gli altoparlanti dalle aree di confine nel 2018, durante un breve periodo di impegno con il Nord sotto il precedente governo liberale di Seoul.

Nel decidere di riavviare le trasmissioni in altoparlante, l’ufficio presidenziale della Corea del Sud ha rimproverato Pyongyang tentativo di provocare “ansia e turbamento” nel Sud e ha sottolineato che la Corea del Nord sarebbe “l’unica responsabile” di qualsiasi futura escalation delle tensioni.

La Corea del Nord ha affermato che la sua campagna di palloncini è arrivata dopo che gli attivisti sudcoreani hanno inviato palloncini pieni di volantini anti-Corea del Nord e chiavette USB piene di canzoni e drammi popolari sudcoreani. Pyongyang è estremamente sensibile a questo materiale e teme che possa demoralizzare le truppe e i residenti in prima linea e alla fine indebolire la presa sul potere del leader Kim Jong Un, dicono gli analisti.

Questa immagine fornita dai capi di stato maggiore congiunti della Corea del Sud e rilasciata dal Ministero della Difesa sudcoreano mostra i detriti di un pallone presumibilmente inviato dalla Corea del Nord accanto a un distretto di polizia, a Seul, Corea del Sud, domenica 9 giugno 2024. ( Capi di stato maggiore congiunti della Corea del Sud tramite AP)

Nel 2015, quando la Corea del Sud ha riavviato le trasmissioni tramite altoparlanti per la prima volta in 11 anni, la Corea del Nord ha sparato colpi di artiglieria oltre confine, spingendo la Corea del Sud a rispondere al fuoco, secondo i funzionari sudcoreani. Non sono state segnalate vittime.

(con informazioni da AP)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Israele ha ucciso sette palestinesi durante l’attacco alla zona di sicurezza
NEXT Si concludono a Pyongyang i colloqui tra Putin e Kim Jong Un