Gli archeologi risolvono definitivamente l’origine delle statue giganti dell’Isola di Pasqua

Gli archeologi risolvono definitivamente l’origine delle statue giganti dell’Isola di Pasqua
Gli archeologi risolvono definitivamente l’origine delle statue giganti dell’Isola di Pasqua

Ascoltare

IL moai Sono famose sculture in pietra diventate popolari dopo il film Una notte al museo. Questi però sono presenti sull’Isola di Pasqua da diversi secoli e la loro esistenza è dovuta ai Polinesiani, che 600 anni fa conquistarono quella terra solitaria e isolata, conosciuta come Rapa Nui. Dopo diverse speculazioni sul perché siano state costruite queste manifestazioni culturali e religiose, un gruppo di archeologi presume di aver trovato la risposta definitiva al motivo per cui sono state erette.

In diverse parti del mondo ci sono siti che custodiscono un passato incerto, che parla di civiltà passate che hanno lasciato il segno e che sono misteriosamente scomparse. Insieme ad altri enigmi archeologici e antiche scoperte che vengono rivelate quotidianamente in tutto il mondo, gli scienziati di un’università di New York hanno indicato cosa ha causato l’emergere del moai.

I moai erano situati al largo della costa e alcuni erano sparsi nell’entroterraKristopher Kettner – Shutterstock

Il territorio dell’isola dipende dal Cile e arrivarci è una vera impresa, qualcosa che sperimentarono, e con meno risorse, i polinesiani, quando arrivarono 600 anni fa in cerca di espansione territoriale. Questa comunità si stabilì lì e stabilì uno stile di vita quotidiano che finì per esaurire la sua risorsa più preziosa, il legno, generando la desertificazione del suolo e l’impossibilità di sviluppare la biodiversità. Ciò ha comportato per loro un serio problema ambientale.che ne peggiorarono la permanenza a seguito delle norme politiche e sociali che divisero la popolazione.

Tuttavia, il Rapa Nui [así los identificaron los europeos al divisarlos] Hanno lasciato un segno considerevole su quella terra. Migliaia di sculture in pietra di esseri umani con corpi piccoli e teste giganti. Questi sopravvissero alle intemperie e diventarono un simbolo dell’identità locale.

I ricercatori del Università di Binghamton da New York si sono diretti sull’isola per studiare da vicino alcuni parametri che erano stati trascurati nelle analisi precedenti. Ciò è dettagliato nell’articolo pubblicato sul sito ufficiale dell’unità accademica. Da notare che ad oggi, ipotizzò che queste statue fossero state erette per uno scopo religiosoo meglio, ad adorare il capo della tribù.

Gli indigeni sono conosciuti come Rapa Nui, dal nome dell’isola, definizione datale dagli europei. Costruirono queste strutture che contavano più di 1000. P.Zonzel – Shutterstock

La spiegazione che hanno dato era legato alla mancanza di acqua potabile, poiché dipende interamente dalle falde acquifere. Quando sgorgava dalla terra, i polinesiani lo bevevano, tuttavia, con l’aumento della popolazione, ne richiedevano sempre di più, il che li avrebbe costretti ad estrarre le pietre alla ricerca di questo liquido essenziale.

Quando l’acqua piovana cade al suolo, la assorbe e si accumula in serbatoi sotterranei. Quando si riempie, sgorga naturalmente in superficie grazie al terreno vulcanico poroso dell’isola. Ecco perché, durante la bassa marea, In prossimità della spiaggia si formano solitamente piccoli corsi d’acqua che si dirigono verso il mare. Gli indigeni ne approfittarono durante la loro permanenza e fu motivo di sorpresa per i coloni olandesi che arrivarono sull’isola per la prima volta e credevano che gli indigeni bevessero acqua salata.

“I terreni vulcanici porosi assorbono rapidamente la pioggia”., con conseguente mancanza di corsi d’acqua e fiumi. Fortunatamente, l’acqua sotterranea scorre verso il basso e alla fine lascia il terreno direttamente nel punto in cui la roccia porosa sotterranea incontra l’oceano”, ha affermato Carl Lipo, antropologo dell’Università di Binghamton.

Infine, ha descritto perché sono stati localizzati? moai Lungo la costa. Questo sarebbe un ringraziamento o una richiesta di miracolo affinché l’acqua germogli. “Ora sappiamo di più sulla posizione dell’acqua dolce […] la posizione di questi monumenti e di altri elementi ha molto senso (…) “Si trovano dove c’è disponibilità immediata di acqua dolce”.– ha aggiunto Lipo.

LA NAZIONE

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Chi è Mazzi Dumato, il miliardario finito in povertà dopo aver donato l’intero suo patrimonio per una causa nobile