Il piacere di leggere

Il piacere di leggere
Il piacere di leggere

Caffè delle 10

Giorno del libro

EITB MEDIO


Pubblicato:
23/04/2024
15:15 (UTC+2)


Ultimo aggiornamento:
23/04/2024
16:34 (UTC+2)

Durante la Giornata del Libro su Radio Vitoria abbiamo parlato con Gonzalo Villate, presidente dell’associazione dei librai di Álava e abbiamo visitato una libreria di seconda mano

Poche cose riescono a farci immaginare i luoghi, a conoscerli senza alzarci dalla sedia, a smuovere le nostre coscienze, ad attivare lo spirito critico, a connetterci con i nostri sentimenti o esperienze. Poche cose possono scuoterci all’infinito, far fermare il tempo e far tacere il rumore intorno a noi. Poche cose possono insegnarci, arricchire la nostra conoscenza o migliorarci.

Ci sono studi che confermano che le persone che leggono hanno una maggiore autostima poiché è una sorta di ginnastica mentale, che stimola la nostra mente e ci fa sentire meglio.

La lettura ci aiuta a dormire meglio, riduce i livelli di stress e depressione e aumenta l’autostima, allungando l’aspettativa di vita. Prenderci cura della nostra salute mentale è importante quanto mangiare bene o fare esercizio fisico, se leggiamo almeno venti minuti al giorno ce ne prenderemo cura.

Quando leggiamo, generiamo dopamina, che ci dà in parti uguali piacere e relax, influenzando il buon umore e il sonno.

I libri ci intrattengono, ci intrattengono e ci fanno diventare altri personaggi e secondo una ricerca dell’Università di Yale, leggere allunga la vita. Cosa comporta leggere un libro, cosa leggiamo noi di Alava?

Durante il Book Day su Radio Vitoria abbiamo parlato Gonzalo Villatepresidente dell’associazione dei librai Álava e proprietario del Libreria Anegón da Vitoria-Gasteiz, e abbiamo visitato una libreria di seconda mano, Riletto.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Gli autori dell’America Latina possono guadagnare 10.000 euro con un libro di cronaca
NEXT CRISI CLIMATICA | ‘L’Amazzonia’, il libro che trasforma la tutela delle foreste tropicali nella battaglia del nostro secolo