Javier Milei presenterà finalmente il suo libro al Luna Park

Javier Milei presenterà finalmente il suo libro al Luna Park
Javier Milei presenterà finalmente il suo libro al Luna Park

Il presidente Javier Milei presenterà il suo libro “Capitalismo, socialismo e trappola neoclassica” al Luna Park il 22 maggio, dopo la controversa situazione generata dall’annunciata presenza del capo dello Stato alla Fiera del Libro, come confermato oggi dalla Presidenza della Nazione.

Inizialmente il presidente aveva programmato di presentare il suo libro il 12 maggio alla Fiera del libroaccompagnato dal deputato nazionale José Luis Espert, ma dopo la polemica nata con il presidente della Fondazione El Libro, Alejandro VaccaroMilei ha deciso di cambiare sede, sostenendo di aver rilevato una forte ostilità nei suoi confronti durante le trattative con le autorità della Fiera.

In una stazione radio, il presidente ha affermato che nei negoziati condotti da sua sorella e segretaria generale della presidenza, Karina Milei, sospettavano che “si tratta di sabotare la presentazione e di farlo in stile kirchnerista, in modo violento”. modo.”

>> Leggi tutto: Milei non andrà alla Fiera del Libro: “Vogliono sabotare la presentazione in stile kirchnerista”

“Ci hanno minacciato dicendoci che ci avrebbero fatto delle cose, un tipo di comportamento inappropriato per la nostra cultura e non possiamo esporci al rischio di essere bloccati”, ha aggiunto Milei.

“Dobbiamo prendere alcune precauzioni, non possiamo esporci al blocco. “Stanno intraprendendo azioni tipiche di chi vuole sabotare un’attività”, ha affermato. Sulla stessa linea, il presidente ha aggiunto che Alejandro Vaccaro ha tenuto un “discorso violento e inappropriato, con false domande”.

>> Leggi di più: La Fiera del Libro ha rimproverato Milei per aver annullato la sua presenza

Da ciò la Presidenza ha confermato che l’evento si svolgerà al Luna Park il 22 maggio.

Da parte sua Vaccaro ha indicato in un dialogo con Infobae che ieri “erano state alla Fiera 25 persone tra la casa di produzione, la Casa Militare e anche la Presidenza della Nazione. Eravamo d’accordo su tutto, su come sarebbero state le recinzioni, su tutto”.

“Siamo stati chiari, volevamo che arrivasse il presidente”, ha detto Vaccaro. “Ma devono aver valutato che non era conveniente per loro… bisogna far entrare quella gente, devono pagare l’ingresso… non è facile”, ha aggiunto e ha continuato: “È una trappola: gira fuori che adesso Milei non viene perché non vogliamo…”

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il famoso psicoanalista Gabriel Rolón parla di “Felicità”
NEXT “Il mio libro voleva andare contro