“Accompagnare è politico”: un libro controcorrente rispetto alla proposta libertaria | RESISTENZE

“Accompagnare è politico”: un libro controcorrente rispetto alla proposta libertaria | RESISTENZE
“Accompagnare è politico”: un libro controcorrente rispetto alla proposta libertaria | RESISTENZE

La natura collettiva della propria esistenza è il cuore di questo libro. Un saggio transfemminista sulla situazione di strada, un modo di pensare e discutere il compito militante o a millefoglie come dice il suo autore Florencia Montes Paz, nel tentativo di dare un’immagine all’idea di capillarità che il libro propone: “Lo pensiamo come un modo per instaurare discussioni sul territorio, nella vita quotidiana di chi come noi ha compiti militanti o di chi noi che accompagniamo persone in situazioni di crisi dai luoghi istituzionali”, spiega. La dimensione che il libro assume in questo contesto è cruciale: Di fronte alla proposta del governo di progettare vite individualiste e meritocratiche, si costruisce la trincea collettivizzando l’esistenza come pratica quotidiana.

“Accompagnare è politico” inaugura anche Abducting Editions, la casa editrice di No tan Distintes, organizzazione composta da donne e dissidenti che accompagnano – e sono costituite da – persone che erano o sono senza dimora. Il libro è un incrocio tra la storia di No Tan Distintes e le preoccupazioni del suo autore, che è anche il fondatore dell’organizzazione nel 2010: “È un libro firmato da Flor e scritto da lei, ma allo stesso tempo è una bella piega di costruzione multipla. Non solo nel senso della parola, ma anche nella sua sovraccoperta (una serigrafia) con una piega in più, che è il manoscritto, l’immagine, il pittorico. “Tutto si è intrecciato per tenere conto in quel caso di tutti gli strati della discussione che portiamo”, dice. Daniela Camozziredattore e parte dell’organizzazione.

Accompagnare è a fra

Tra le definizioni, la ricerca e il proprio vissuto, la lettura del libro è un viaggio meticoloso attraverso il compito di accompagnare, smembrandone il significato in dieci principi che vengono elencati nel capitolo 2: mettere il corpo, legarsi agli affetti, comporre sostegno, registrare il desiderio, ammortizzare la violenza, rispettare il processo, sostenere nel tempo, consolidare l’etica, costruire un codice e lottare con tutti.

“Chiamiamo accompagnamento la molteplicità che si costituisce accompagnando un’altra persona in una situazione specifica”. In quella molteplicità appare il fra “che è sempre relazionale, non è qualcosa che si offre, né si riceve, non è un oggetto che si consegna”.

Presentazione del libro “Accompagnare è politico” con il collettivo transfemminista No Tan Distintes.

Nel capitolo 4 c’è l’idea di interdipendenza che va al centro della discussione: “È un’idea butleriana che non ci sia individualismo o autonomia nella vita ma piuttosto che ciò che c’è è interconnessione tra le vite e che dobbiamo pensare di prendersene cura fra”, afferma Montes Paz, sottolineando l’ordine vincolante dell’intera questione. In questo contesto, il libro è audace, non solo per il suo modo di produzione, ma anche perché solleva una discussione centrale tra individualismo e collettivismo: “Questo è un libro collettivo e penso che il governo stia attaccando tutto ciò che ha a che fare con il collettivo, al punto da usare la parola collettivista come un insulto. È molto importante in questo contesto ricordare e sottolineare alcune pratiche e richieste inevitabili, come il potere della collettività.. Prestiamo molta attenzione anche a come questa installazione del fascista e del violento sia nel corpo singolare così come nel collettivo”, dice Camozzi.

“Attribuire la responsabilità di queste sofferenze alle persone che soffrono fa parte del programma del governo”, spiega Montes Paz. La politica del governo di “pulire le strade” dai senzatetto Jorge Macrì È l’altro lato senza metafore di ciò che il libro sta per portare. La destra conservatrice presenta il benessere dei vicini come una richiesta individuale che annulla le relazioni, i conflitti e le strutture sociali che rendono possibile il problema abitativo.. In questo senso, l’accompagnamento proposto dal libro si impegna ad un carattere transfemminista che trascende la prospettiva identitaria: «Implica non solo smantellare l’universalità della categoria persone e registrare che essa accompagna un corpo attraversato da molteplici compiti-determinazioni che si esprimono in forme di violenza, implica anche accompagnare controcorrente ciò che il capitalismo globale integrato ha progettato per quel corpo”.

Florencia Montes Paz, autrice del libro e fondatrice di No Tan Distintes nel 2010.

In questo senso “Accompagnare è politico” non si presta a un linguaggio esplicitamente accademico ma piuttosto a una prospettiva ogni tipo di terreno che si prende il tempo di soffermarsi ripetutamente sulla differenza tra individualità e singolarità, per continuare insomma a contribuire alla stessa discussione: “Un conto è produrre individui, nel senso in cui ci pensa Guattari”. quali sarebbero i codici del capitalismo mondiale integrato e rafforzerebbero quella soggettività autonoma, che crede di poter esistere da solo e che rafforza il luogo egoico, tutti i valori capitalisti. D’altra parte, il processo di singolarità non consiste nel rafforzare – in questo caso nell’accompagnamento – l’individuazione delle persone, ma nel mettere a fuoco il processo che coinvolge i desideri di ciascuna persona, la storia, ciò che la rende singolare ma in relazione ad altri, direi Guattari con il cosmo, con il sociale, con il politico” conclude l’autore.

Il finale dell’introduzione precisa che “un libro si scrive quando si può”, nel caso di ““Accompagnare è politico”, è pubblicato in un contesto politico nazionale di ritorno al liberalismo in cui l’impatto è sui settori più vulnerabili. La sua lettura, che spazia dal macro al micro, è capace di cogliere non solo la svolta a destra nelle pratiche di governo e a livello statale, ma anche nel proprio lavoro e nella vita quotidiana.

.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Consegnati 1.500 libri “Giunte Invincibili per adolescenti”.