Recensione del libro “Il fenomeno Taylor Swift”

Qualificazione: Fenomeno di Taylor Swift
Autore:
Sì, S. Iborra
A cura di:
Edizioni Silex

Se c’è una cosa su cui tutti sono d’accordo su Taylor Swift, è che l’entità del suo successo è inspiegabile. D’altronde sicuramente non c’è stato un artista nella storia della musica pop che abbia raggiunto il livello a cui si trova attualmente l’artista nordamericano e, inoltre, non sembra esserci fine a questa vertiginosa danza di numeri e record che viene raggiunto. Diventano obsoleti quando pubblicano un nuovo album o vanno in un nuovo tour. Per fare un po’ di luce su tutto ciò, arriva il libro Fenomeno di Taylor Swift scritto da Yeray S. Iborra.

Il punto di partenza da cui Yeray scrive è più che interessante, poiché il giornalista riconosce di non avere familiarità con la carriera del cantante finché non ha iniziato a pensare di scrivere il libro, e inoltre non è molto lontano generazionalmente da Swift, che serve per comprendere quell’impegno, o fidanzamento come lo chiamano adesso, quello che i fan provano per l’artista. Con una prosa leggera e senza l’intenzione di impostare una conferenza, il libro è un’esposizione di fatti in cui ognuno deve trarre le proprie conclusioni. Non stiamo parlando di una tipica biografia – siamo di fronte a una tempesta di biografie di Taylor Swift che già più che colmano questa lacuna – ma piuttosto di un saggio in cui si tenta di affrontare da diverse angolazioni il motivo per cui è stata scelta.

Come in ogni fenomeno che va oltre qualcosa di generazionale, che è capace di generare notizia con un semplice tweet, che è oggetto di studi universitari, che può mettere in scacco un intero colosso come Ticketmaster, incapace di gestire la vendita dei biglietti dei propri concerti in di fronte ad una domanda stratosferica, è praticamente impossibile trovare le chiavi esatte che l’hanno provocata. Oppure il caso non conta?

Sebbene Yeray non trovi nemmeno una spiegazione magica per la sua grandezza, il suo successo sta nel farti riflettere sulle sue dozzine di teorie e vedere quale di loro è quella che ti ha catturato. Perché, non illudiamoci, siamo tutti vittime, in misura maggiore o minore, del fenomeno Taylor Swift.

RICCARDO ROYUELA

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il “New York Times” manipola l’elenco dei best-seller a favore dei libri di sinistra
NEXT La paranoia e la bassezza dei social network: UFRO presenta il libro “Noi contro loro” di Natalia Aruguete