Lettori in fuga – El Periódico Extremadura

Lettori in fuga – El Periódico Extremadura
Lettori in fuga – El Periódico Extremadura

Giorni fa ho letto sulla bacheca Facebook di Mariano Zurdo un post tanto sintetico quanto penetrante in cui arrivava a ritrarre la realtà del mondo dell’editoria. Il cofondatore ed editore di Talentura ha scritto che stiamo per raggiungere l’1:1:1, e lo ha spiegato così, in modo quasi letterale: «prima è diminuito il numero dei lettori mentre è aumentato il numero degli scrittori e, come negli ultimi tempi è “Il numero degli editori è cresciuto in modo esponenziale, stiamo per arrivare ad una casa editrice per uno scrittore e un lettore”.

Questa è, certo, una definizione iperbolica della situazione che sta vivendo il mondo dell’editoria, ma serve a illustrare questi tempi strani, segnati dalla massiccia proliferazione di autori ed editori in contrapposizione all’esiguo numero di lettori, che sono, dopo tutti, dopo tutto, i destinatari dei libri.

Quando uscì il mio primo libro, nel 2001, non eravamo ancora in molti a pubblicare le nostre cose coperte da una firma, e non era troppo difficile rapire un gruppetto di persone, amici e familiari soprattutto, per sostenerti nel la presentazione di tuo figlio letterato.

Quando penso a quelle presentazioni a cui oggi partecipano solo una o due persone, senza contare l’autore e il curatore, cerco di giustificare un tale fallimento anche usando l’iperbole, ricordando a me stesso che i lettori che una volta partecipavano a questi eventi ora presentano le proprie libri o, tornando alla tesi di Mariano Zurdo, presentando i propri autori.

Il mondo dell’editoria è tanto folle quanto affascinante. Secondo me manca di buon senso e nel complesso non è vitale quanto un negozio di carne al Polo Nord. Eppure continua a funzionare come una calamita accattivante per tutti noi che apprezziamo il libro come un promettente dono di felicità.

Il motivo per cui scriviamo e modifichiamo libri ma ci rifiutiamo di leggerli è una questione che questo pennino affronterà più avanti…

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Un tè da dimenticare
NEXT Carbajosa riprende quest’estate ‘Leggere Famiglie’ e ‘Trotalibros’