Denunciano Agua de Puebla per aver estratto illegalmente 636 milioni di litri da Xoxtla e Nealtican – El Sol de Puebla

Denunciano Agua de Puebla per aver estratto illegalmente 636 milioni di litri da Xoxtla e Nealtican – El Sol de Puebla
Denunciano Agua de Puebla per aver estratto illegalmente 636 milioni di litri da Xoxtla e Nealtican – El Sol de Puebla

Lui Consorzio Puebla Acqua per Tuttiche è titolare della concessione del fornitura del servizio pubblico di acqua potabile, drenaggio, fognature, servizi igienico-sanitari e smaltimento delle acque reflue nella capitale e in altre aree territoriali, avrebbe estratto illegalmente circa 636 milioni di litri al giorno da Acuexcomac, Nealtican, Coronango e Xoxtla, Pertanto, gli attivisti hanno chiesto alle autorità di fermare questa attività, poiché stanno distruggendo le loro falde acquifere.

In una conferenza stampa, il membri del Parlamento comunitario dei diritti della natura, Hanno spiegato che questo L’estrazione illegale è avvenuta attraverso trasferimenti d’acqua, Quali sono bacini artificiali che vengono allestiti quando sono presenti opere idrauliche e dovrebbero trasferire il liquido – in modo controllato – solo in casi molto specifici come l’irrigazione dei campi o la carenza. Non conoscono il motivo dell’estrazione e non hanno presentato prove di quanto sopra.

“Vogliamo far conoscere il problema che si sta generando nel trasferimento dell’acqua dalle comunità di Acuexcomac, San Miguel Xoxtla, Coronango e Nealtican alla città di Puebla, comunità che sono passate dall’avere molta acqua alla scarsità. “Il loro problema idrico è complesso ed è aggravato dall’esaurimento delle falde acquifere, anche i corpi idrici sotterranei sono diminuiti e l’inquinamento sta aumentando le malattie tumorali e l’emissione di rifiuti trasformati in spazzatura,” hanno commentato.

Una delle teorie che hanno per la presunta estrazione è quella di una crescita urbana disordinata e poiché in questi nuovi quartieri non c’è acqua, la suddetta società se ne fa carico per fornire loro il servizio. Tuttavia, lo hanno detto Questo presunto sovrasfruttamento avrà impatti negativi sull’intera entità e prova di ciò è la siccità che si è verificata negli ultimi mesi. poiché la terra non ha più acqua di rinforzo per contrastare la mancanza di pioggia.

--

“Stanno prosciugando le sorgenti, invadendo foreste e zone agricole (…) Si sta uccidendo l’ahuehuete di Santa María Acuexcomac, che per molti abitanti di Puebla è un simbolo del patrimonio naturale. Sono andati giorno dopo giorno a ricreare in questo luogo, così come le zone umide. “Stanno già generando un grande impatto ambientale, è un danno irreparabile”, hanno aggiunto.

Hanno sottolineato che non solo il consorzio Agua de Puebla è responsabile di questa situazione, poiché sono molti i parchi industriali coinvolti, ma, ancora una volta, Non hanno presentato nomi o prove, hanno solo chiesto alle autorità di creare un nuovo accordo in cui l’obiettivo principale sia riparare il danno. e creare un sistema di ricarica delle falde acquifere.

Hanno annunciato che questa richiesta sarà presentata ufficialmente al sindaco, Eduardo Rivera Pérez, al governatore dello stato di Puebla, Sergio Salomón Céspedes Peregrina e al presidente del paese, Andrés Manuel López Obrador.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

-

PREV La nomina di Patricia Bullrich mette a dura prova il rapporto tra Javier Milei e Mauricio Macri | Si riunisce il Gabinetto e il patto con l’ex presidente scricchiola
NEXT Javier Milei ha invitato Gustavo Petro al suo insediamento, il presidente colombiano sarà presente?