UFC Fight Night Mexico: risultati delle schede complete

UFC Fight Night Mexico: risultati delle schede complete
UFC Fight Night Mexico: risultati delle schede complete

La UFC Fight Night Mexico è stata un successo. I lottatori messicani dell’Ultimate Fighting Championship hanno dato vita ad un vero spettacolo e tutti i fan presenti all’Arena di Città del Messico hanno vissuto un’esperienza indimenticabile.

L’evento principale della carta è stato il secondo incontro tra Brandon Moreno e Bradon Royval. Il combattente messicano è stato sconfitto con una decisione divisa dopo che i giudici hanno segnato i cartellini di 48-47 e 48-47 a favore di Royval e 46-49 a favore di Moreno. “The Assassin Baby” ha resistito ai cinque round contro “Raw Dog” nella lotta concordata a 125 libbre, Royval ha sferrato 128 colpi significativi.

Brian Ortega è rimasto fuori attività per più di un anno e mezzo quando Yair “El Pantera” Rodríguez si è lussato una spalla. Al suo ritorno nell’ottagono, il combattente americano di origine messicana si vendicò e ha ottenuto il suo sedicesimo sesto come combattente professionista. ‘T-City’ ha sottomesso il messicano con una collana al collo che gli ha impedito di respirare.

Raúl Rosas Jr. ha promesso di battere Ricky Turcios, ma lo scontro non ha potuto avere luogo. ‘The Problem Child’ si è ammalato, ma Dana White ha rivelato che l’incontro avrà luogo la prossima settimana a Las Vegas.

Daniel Zellhuber e Francisco Prado hanno dato vita ad un vero spettacolo. Il messicano e l’argentino sono andati lontano, ma i giudici hanno visto una vittoria unanime per il “Golden Boy”. Il nativo della capitale del Messico ha inferto 120 colpi alla testa del suo rivale.

Yazmín Jaúregui era la favorita nella sua lotta contro Sam Hughes e non ha deluso i tifosi messicani. La donna di Jalisco ha vinto con decisione unanime. Dei suoi 97 successi, 94 furono significativi.

Manuel ‘El Loco’ Torres era incaricato di aprire la carta principale contro ‘The Problem’ Duncan e la lotta leggera concordata è stata di breve durata. Torres si riprese con un mataleón con un pugno dritto in faccia e ha presentato il combattente scozzese al primo turno con 1:46 rimasto da giocare.

POTREBBE INTERESSARTI: O’Malley evita lo scontro con Topuria

Risultati preliminari di UFC Fight Night Messico

Il primo combattimento preliminare si è concluso dopo 44 secondi. Il tagico Muhammad Naimov ha eliminato Erik Silva a causa di un infortunio alla spalla. Ronaldo Il ‘Lazy Boy’ Rodríguez ha innalzato il nome del Messico sottomettendo l’ucraino Denys Bondar nel secondo capitolo. Tuttavia, il messicano è stato visto con le stampelle dopo il combattimento. Farés Ziam ha sconfitto Claudio Puelles per decisione divisa. Il francese era il favorito del peruviano ed è riuscito a vincere grazie ai suoi colpi consistenti (31, di cui 23 alla testa), nonostante il sudamericano lo abbia steso sette volte.

Nessuno dei due Edgar Chairez Né Daniel Lacerda ha fatto peso, ma la lotta si è svolta in due modi. Il messicano Ha catturato il suo rivale con una chiave e lo ha sottomesso al primo round con 2:17 minuti sul cronometro. Jesús Aguilar ha sconfitto Mateus Mendonca dopo essere andato lontano perché i giudici lo hanno favorito con una decisione divisa. Quello di https://twitter.com/ufc/status/1761580687725875689 È stato lui a sferrare i colpi più significativi dalla distanza (11), nonostante sia stato abbattuto quattro volte.

Gli unici messicani che non sono riusciti a vincere nei preliminari sono stati Víctor Altamirano e Cristian Quiñonez; Felipe Dos Santos ha vinto per decisione divisa su Altamirano dopo tre round da cinque minuti: i tifosi hanno ritenuto che il combattente nazionale avrebbe dovuto vincere per numero di atterramenti (9-0). Da parte sua, Raoni Barcelos ha presentato Quiñonez al terzo turno.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La discussione si è conclusa in tragedia a Cúcuta: il giovane è stato colpito da sei colpi di arma da fuoco
NEXT Prisoners Defenders porta a 41 il numero totale dei detenuti a causa delle recenti proteste a Cuba