La Rioja ha superato l’80% di occupazione dell’hotel

La Rioja ha superato l’80% di occupazione dell’hotel

Secondo i dati dell’Osservatorio Economico del Turismo di La Rioja, durante i cinque giorni in cui è durato il XXL fine settimana di Pasqua, la provincia ha mantenuto un ottimo movimento turistico.

L’agenzia ha indicato che il tasso di occupazione alberghiera è dell’81% nei principali dipartimenti turistici della provincia.

Inoltre risulta che i pernottamenti sono stati complessivamente 18.064.

Il rapporto afferma inoltre che la permanenza media è stata di 3,6 giorni e che i turisti sono stati complessivamente 5.661.

L’indagine OETuLR ha coperto i dipartimenti di Capitale, Chilecito e Felipe Varela.

Di carattere prettamente religioso, la provincia ha convocato parrocchiani da tutto il Paese e dall’estero, soprattutto cileni, brasiliani e uruguaiani, per le sue celebrazioni pasquali, con diversi incontri, messe e Via Crucis. Chilecito e Villa Unión hanno registrato un’occupazione alberghiera del 92%, mentre la capitale ha registrato un 70%.

La spesa giornaliera pro capite è stata in media di $ 35.800. L’offerta turistica è stata pensata sulla base di circuiti, come il “costeño” di Sanagasta, con visite alla cantina Vista Larga, Señor de la Peña, per finire con un pranzo ad Anillaco. Nel frattempo, il Parco Nazionale Talampaya, con il Canyon Shimpa, Los Balcones e Quebrada Don Eduardo, ha concentrato gran parte dei visitatori.

Coloro che soggiornavano nell’entroterra della Rioja optavano per attività come il turismo d’avventura o l’escursionismo, mentre nell’ovest prevaleva l’enoturismo. Da parte sua, nella capitale, è stato offerto il bus turistico con un tour religioso e culturale di 2 ore. Intanto per chi cerca circuiti idroterapeutici sono state scelte le Terme di Santa Teresita, nel dipartimento di Arauco.

Anche nel dipartimento di Famatina, dove l’occupazione ha soddisfatto anche le aspettative degli operatori turistici, si è svolto un ricco menù di eventi religiosi e ricreativi. Tra i momenti salienti figurano la Via Crucis al Cristo de la Hermandad, la tradizionale discesa di Cristo nella chiesa di San Pedro, nel capoluogo del dipartimento; così come escursioni, parapendio e visite alle cantine e alla diga di Chañarmuyo.

A livello nazionale

Durante le vacanze XXL di Pasqua, Veterani e Giorno della Memoria nelle Malvinas, 3,2 milioni di turisti hanno viaggiato e speso 631.667 milioni di dollari in cibo, bevande, alloggio, trasporti, attività ricreative e acquisti, secondo un rapporto della Confederazione Argentina della Media Impresa (CAME) ).

Nel dettaglio, la variazione reale rispetto alla stessa data dello scorso anno in termini di spesa totale è stata del 69,8%, poiché questa era stata di 95.957 milioni di dollari. Per quanto riguarda il numero dei turisti, l’incremento è stato del 21,3%. L’aumento è importante anche se paragonato alle vacanze di Carnevale dello scorso febbraio, un fine settimana in cui hanno viaggiato 2.610.000 turisti e speso 352.859 milioni di dollari.

Nei due lunghi fine settimana di quest’anno hanno viaggiato 5,8 milioni di turisti e speso 984.526 milioni di dollari (1.158 milioni di dollari).

L’impatto economico diretto di questa vacanza, misurato a prezzi reali, è stato superiore del 70% rispetto allo scorso anno, con un visitatore che, in media, ha speso 47.913 dollari al giorno, il 16,1% in più rispetto al 2023 (a prezzi reali) e ha avuto un soggiorno nella media di 4,1 giorni. L’aumento dell’esborso si spiega, in gran parte, perché la Pasqua 2023 ha avuto due giorni di ferie in meno.

Alcune tratte turistiche sono crollate tra mercoledì e venerdì, con ritardi che hanno triplicato il tempo di un viaggio normale. Mentre solo 282.000 persone hanno viaggiato attraverso Aerolíneas Argentinas.

Il presidente del CAME, Alfredo González, ha dichiarato a Infobae che questi numeri sono sorprendenti in uno scenario di recessione e calo del potere d’acquisto. Tra i fattori che potrebbero spiegare il successo della vacanza ci sono promozioni e sconti. Inoltre, la minaccia di scioperi da parte dei lavoratori delle compagnie aeree, nonostante ci siano state poche cancellazioni, è stata spaventosa e sono state concesse maggiori agevolazioni.

“Gli incontri religiosi hanno dominato l’agenda di ogni città, ma sono stati ben accompagnati da festival, gare sportive e fiere gastronomiche”, ha affermato CAME.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il Cile allenta la politica monetaria e annuncia una prudente riduzione…
NEXT La storia della donna accusata di omicidio efferato a La Araucanía