La Germania cancella l’evento pro-Palestina e vieta l’ingresso ai testimoni di guerra di Gaza | Guerra d’Israele su Gaza News

La Germania cancella l’evento pro-Palestina e vieta l’ingresso ai testimoni di guerra di Gaza | Guerra d’Israele su Gaza News
La Germania cancella l’evento pro-Palestina e vieta l’ingresso ai testimoni di guerra di Gaza | Guerra d’Israele su Gaza News

La polizia di Berlino ha interrotto e cancellato una conferenza pro-Palestina subito dopo il suo inizio, poche ore dopo che uno dei principali oratori aveva affermato che le autorità lo avevano trattenuto all’aeroporto e gli avevano impedito di entrare in Germania.

Inizialmente gli agenti hanno bloccato il Congresso della Palestina perché un altro relatore era soggetto a un divieto di attività politica in Germania, ha scritto venerdì la polizia sulla piattaforma di social media X.

La polizia non ha fornito il nome del relatore, ma i partecipanti al congresso hanno scritto su X che si trattava del ricercatore palestinese Salman Abu Sitta.

La polizia ha poi scritto su X di aver vietato il resto della conferenza, alla quale hanno partecipato circa 250 persone e che sarebbe durata fino a domenica.

Hanno detto che c’è il rischio che lo stesso oratore venga invitato a parlare di nuovo, accusandolo di aver fatto dichiarazioni “antisemite” in passato.

Sul sito web del Congresso, gli organizzatori denunciano i crimini di Israele a Gaza, affermando: “Insieme, con le voci del movimento palestinese e della comunità internazionale, denunceremo l’apartheid e il genocidio israeliani. “Accusiamo la Germania di essere complice”.

La polizia di Berlino ha dichiarato di aver inviato 930 agenti, compresi rinforzi da altre regioni della Germania, per proteggere l’evento.

“Silenziare un testimone”

A uno dei relatori principali, Ghassan Abu Sittah, un medico palestinese britannico, era stato precedentemente negato l’ingresso in Germania per partecipare all’evento, ha detto.

“Il governo tedesco mi ha impedito con la forza di entrare nel paese”, ha scritto Abu Sittah su X.

Il medico, che ha prestato servizio volontario negli ospedali di Gaza durante le prime settimane della guerra israeliana, ha detto di essere arrivato all’aeroporto di Berlino venerdì mattina prima di essere fermato al controllo passaporti, dove è stato trattenuto per diverse ore e poi gli è stato detto che doveva tornare nel Regno Unito.

La polizia aeroportuale ha detto che gli è stato rifiutato l’ingresso a causa “della sicurezza delle persone presenti alla conferenza e dell’ordine pubblico”, ha detto Abu Sittah all’Associated Press.

Un’organizzatrice dell’evento, Nadija Samour, ha dichiarato all’agenzia statale turca Anadolu: “Non esiste assolutamente alcuna base legale per questo, nessuna giustificazione. [Abu] Sittah è il preside dell’Università di Glasgow. Non riesco a immaginare che sia una persona pericolosa o una persona che incita alla violenza. “Rimuovi il contrario.”

Abu Sittah ha aggiunto su X che escluderlo dall’evento significava “mettere a tacere un testimone del genocidio prima che l’ICJ aumentasse la complicità della Germania nel massacro in corso”.

In un caso portato avanti dal Nicaragua presso la massima corte delle Nazioni Unite, la Germania si trova ad affrontare l’accusa di aver aiutato il genocidio di Gaza vendendo armi a Israele, la cui guerra ha ucciso più di 33.600 persone dal 7 ottobre.

La Germania è uno dei maggiori fornitori militari di Israele, inviando 326,5 milioni di euro (353,7 milioni di dollari) in attrezzature e armi nel 2023, secondo i dati del Ministero dell’Economia.

“Pressioni del governo”

C’è stata “pressione da parte del governo federale” per annullare il Congresso sulla Palestina, ha detto l’organizzatore Samour ad Anadolu, aggiungendo che la Germania stava “attivamente e illecitamente” cercando di impedire l’evento.

Ha anche accusato Berlino di ritardare intenzionalmente l’inizio del congresso, adducendo come pretesto ragioni tecniche.

“Il congresso non poteva essere vietato. La libertà di riunione protegge il congresso, ed è proprio per questo che la polizia ha attuato ogni sorta di molestie”, ha detto.

La polizia interviene mentre le persone partecipano al Congresso sulla Palestina [Halil Sagirkaya/Anadolu]

La folla in attesa di entrare nella sala venerdì ha scandito slogan tra cui “Viva, Viva la Palestina” e “La Germania finanzia, Israele bombarda”. Alcuni sventolavano bandiere palestinesi all’esterno dell’edificio.

La polizia di Berlino ha assunto una posizione generalmente dura nei confronti delle proteste filo-palestinesi dall’inizio della guerra a Gaza. Le autorità hanno imposto condizioni rigorose alle manifestazioni o le hanno vietate del tutto.

Manifestanti e critici hanno accusato le autorità di violare le libertà democratiche di parola e di riunione con la repressione.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La Procura della Repubblica individua tre persone che avevano un fascicolo di ricerca presso SLP – La Jornada San Luis
NEXT Interruzione di corrente nelle città del sud di Misiones