Un ex funzionario di Macri ha assunto la direzione dell’Istituto per gli affari indigeni

Lui ex Segretario per i Diritti Umani e il Pluralismo Culturale della Nazione durante l’amministrazione di Mauricio Macri, Claudio Avrujè stato nominato questa settimana dal governo di Javier Milei presidente dell’Istituto Nazionale degli Affari Indigeni, che anni fa era comandato da Magdalena Odarda del Rio Negro.

Tramite la Pubblicato questa settimana in Gazzetta Ufficiale il decreto 308/2024il governo ha nominato Avruj alla posizione dell’organizzazione decentralizzata che da questa amministrazione Fa parte della struttura del Ministero degli Interni guidato da Guillermo Francos.

Avruj era un funzionario del Macrismo e anche presidente onorario del Museo dell’Olocausto e sarebbe approdato nel governo libertario per mano del ministro della Sicurezza, Patricia Bullrich.

Il leader sarà accompagnato all’INAI dal laureato Fernando Brom, che nello stesso decreto nazionale è stato designato vicepresidente dell’organizzazione.

A fine febbraio il governo ha creato un tavolo tecnico e si è ipotizzato la chiusura definitiva dell’INAI, ma alla fine c’è stato un cambio di giurisdizione ed è finito nell’orbita di Francos.

L’INAI è un’organizzazione che negli anni precedenti aveva un forte legame nella regione dove vivono le comunità del popolo Mapuche che promuovono il rispetto della Legge Indigena e l’indagine territoriale che darebbe garanzie alle comunità stanziali, tuttavia i ritardi in queste relazioni e Le cartelle tecniche durarono anni, soprattutto a Río Negro.


#Argentina

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Vigili del fuoco volontari presenti nelle inondazioni di Entre Ríos
NEXT China BYD afferma che la produzione nell’impianto di catodo di litio pianificato per il Cile è stata rinviata a causa dell’incertezza