Articolo: A Mollet del Vallès si terrà uno stand di solidarietà con Cuba nel giorno di Sant Jordi: 23 aprile

Articolo: A Mollet del Vallès si terrà uno stand di solidarietà con Cuba nel giorno di Sant Jordi: 23 aprile
Articolo: A Mollet del Vallès si terrà uno stand di solidarietà con Cuba nel giorno di Sant Jordi: 23 aprile

Cubainformacion.- Come ogni anno, martedì 23 aprile, il collettivo di solidarietà Mollet amb Cuba allestirà il suo stand informativo e di vendita di prodotti solidali nel Parco Les Pruneres, a Mollet del Vallès, cittadina in provincia di Barcellona, ​​​​nell’ambito della celebrazione della Diada de Sant Jordi, un festival culturale catalano.


In dichiarazioni a Cubainformacion, il portavoce di Mollet amb Cuba ha sottolineato che “nel nostro angolo avremo, come sempre, libri su Cuba e la Rivoluzione, CD musicali, film cubani, magliette, berretti, zucchero, rum e caffè cubano”. venduti attraverso Fair Trade Network e Sodepaz E, come di consueto in questa giornata, avremo i libri che ci sono arrivati ​​tramite donazioni e che potranno essere acquistati contribuendo con la vostra volontà, destinati ai nostri progetti di sostegno all’Isola. . Ricordiamo le parole di Fidel Castro ‘Leggi e sarai libero’, perché per noi la cosa più importante è leggere e non il costo economico dei libri.”

Quest’anno, come novità, potrai acquistare l’ultima biografia di Fidel Castro, scritta da Katiuska Blanco Castiñeira ed edita dal Centro Fidel Castro dell’Avana.

Mollet amb Cuba spiega inoltre che tutto il denaro raccolto andrà in progetti di solidarietà con Cuba e che l’organizzazione, integrata nel coordinatore catalano Defensem Cuba, continua a raccogliere materiale medico, ortopedico e giocattoli per gli ospedali dell’isola, come forma di lotta contro il “blocco genocida statunitense contro il popolo cubano”.


#Cuba

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Coltivazione, industria e medicina: questa è la prima mostra sulla cannabis a Mendoza
NEXT Un ragazzo di 12 anni è morto in un attentato con esplosivi nel Cauca settentrionale