Santa Cruz: indagini su presunte avances di ‘narcobus’, ma non ci sono arresti

Santa Cruz: indagini su presunte avances di ‘narcobus’, ma non ci sono arresti
Santa Cruz: indagini su presunte avances di ‘narcobus’, ma non ci sono arresti

La commissione di esperti biochimici farmaceutici arrivata da La Paz ha la missione di sviluppare oggi una maratona di micro-aspirazione fino a raggiungere 43 veicoli, tra questi alcuni autobus per il trasporto di passeggeri che sono stati sequestrati e sigillati dalla Procura delle sostanze controllate e dalla Forza speciale per la lotta al traffico di droga, nell’ambito di indagini volte a smantellare un’organizzazione di trafficanti che opera sulla rotta verso l’Argentina. Finora non vi sono detenuti nel territorio nazionale, è stato riferito ieri.

L’esperto riferisce su 43 veicoli a motore, tra cui 21 autobus per il trasporto passeggerivengono giustiziati dopo che quasi due mesi fa a Buenos Aires, in Argentina, le forze antidroga avevano scoperto cocaina pura nascosta in un tubo di un rimorchio trasportato da un autobus da Santa Cruz.

Due autisti sono stati arrestati a Buenos Aires e la polizia e la procura argentine hanno condiviso informazioni con le loro controparti a Santa Cruz sulle operazioni di una banda internazionale di narcotrafficanti.

Le azioni sono iniziate a Santa Cruz negli ultimi giorni di marzo con i raid al terminal Bimodal, dove diversi uffici di trasporto di autobus sono stati perquisiti e sigillati. Parimenti è stata rilevata la presenza di autobus e autotreni nei garage, anch’essi sequestrati e sottoposti a sigillo fiscale.

La Procura delle Sostanze Controllate, sotto la direzione del pubblico ministero Julio César Porras, ha ordinato l’aspirazione di tutti i veicoli a motore per stabilire se fossero effettivamente utilizzati per trasportare cocaina in Argentina attraverso la rotta meridionale già scoperta.

Le perizie sono iniziate martedì con il test di circa 17 autobus che si trovavano in un garage nella zona di Villa Primero de Mayo.
La commissione di esperti stava per ritornare ieri a La Paz, ma la Procura ha chiesto che restassero finché non avessero terminato il loro lavoro. Si è così proceduto con l’aspirazione di diversi autobus, mentre oggi l’operazione di microaspirazione verrà effettuata fino al completamento dei 43 autobus a motore, tra cui anche gli autotreni.

Una volta terminata l’aspirazione dei 43 veicoli, la commissione di biochimici farmaceutici ritornerà a La Paz ed entro 10 giorni consegneranno i risultati.

Per quanto riguarda il traffico di droga, finora non risultano detenuti legati al trasporto internazionale di sostanze controllate.
La Procura ha emesso un mandato di comparizione contro i lavoratori e alcuni imprenditori affinché presentassero le loro dichiarazioni come testimoni e anche come imputati.

Nel corso delle perquisizioni è stata sequestrata anche una grande quantità di documentazione e apparecchiature dei sistemi di comunicazione e sono state recuperate anche le immagini delle telecamere di sicurezza per rilevare tutti gli spostamenti delle aziende di trasporto.

Finora hanno già testimoniato diverse persone che svolgono compiti amministrativi e di carico nelle società di trasporto in autobus del terminal Bimodal.

Si sa anche che sono venuti a rendere dichiarazioni alcune persone presunte proprietarie di aziende di trasporto di autobus e camion pesanti che viaggiavano permanentemente via terra in Argentina.

Data l’entità del caso, La Procura ha aperto un’altra indagine per legittimazione di profitti illeciti che è già in corso in coordinamento con gli agenti delle Forze Speciali per la Lotta al Traffico di Droga.

La prima indagine, strettamente legata al trasporto di cocaina, mira a smantellare un’organizzazione di trafficanti che utilizzava veicoli a motore come copertura per il trasporto di droga.

Le indagini di legittimazione mirano a stabilire la vera provenienza del denaro investito nell’acquisto degli autobus e degli autotreni.

Secondo i calcoli della Procura e della Felcn, un autobus a due piani che copre la tratta terrestre tra Santa Cruz e l’Argentina ha un costo tra i 120mila e i 150mila dollari.

I camion dei trattori hanno un costo più elevato secondo le misurazioni del Felcn e della Procura.

Il procuratore dipartimentale Róger Mariaca ha affermato che questa indagine è di grande importanza e ciò che si cerca è il suo totale chiarimento. Lui ha precisato che i risultati delle perizie su tutti i veicoli sequestrati e sigillati saranno fondamentali per completare le indagini.
Tuttavia, ha assicurato che la cosa più importante è arrivare allo smantellamento dell’organizzazione che, secondo le indagini, opererebbe sulla nuova rotta del sud, che collega diverse località dell’Argentina.

La Felcn e la Procura continueranno a svolgere attività nelle indagini sul traffico di droga e nella legittimazione dei profitti illeciti, finché non sarà accertata la verità sull’accumulo di patrimoni.

Leggi anche

Santa Cruz

Effettuano microaspirazioni su 17 autobus e sperano di conoscere i risultati entro 10 giorni

L’aspirazione proseguirà per tutta la settimana, fino a concludersi con l’intervento di 43 mezzi a motore, con l’obiettivo di rilevare la presenza di sostanze controllate

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV A che ora gioca César Vallejo contro? Sempre pronti LIVE e DIRETTA: su quali canali vedere la partita della Copa Sudamericana 2024 tramite DSports, ESPN, Star Plus Futbol Libre e link gratuiti online | Sport | CALCIO-PERUVIANO
NEXT César Ruiz, il creatore di contenuti venezuelano che ha successo a Miami