Costo del terreno, ostacolo alla costruzione di alloggi sociali nella SLP – El Sol de San Luis

Costo del terreno, ostacolo alla costruzione di alloggi sociali nella SLP – El Sol de San Luis
Costo del terreno, ostacolo alla costruzione di alloggi sociali nella SLP – El Sol de San Luis

È necessario ridurre il costo del terreno del 20-30%così come abbassare il prezzo dei materiali da costruzione e dei permessi, per creare alloggi a prezzi accessibiliha affermato Juan Manuel Pérez Herrera, presidente della Camera messicana dell’industria delle costruzioni (CMIC).

Pérez Herrera ha indicato che a livello nazionale e statale si stanno cercando delle opzioni costruire alloggi di interesse socialeal, comunque il principale Il problema è il costo dei terreni”Abbiamo già cercato e purtroppo il offerta di territorio in fase di crescita industriale e il bisogno che si crea, il proprietario del terreno comincia a dire: non lo darò via a buon mercato.

Ha precisato che ciò avviene nelle zone dove c’è terra disponibile, per esempio a Villa de Reyes, dove ci sono alcuni proprietari terrieriaumentano il costo delle loro proprietà“e hanno ragione, ma ciò implica che non diamo la larghezza (nella fornitura di terreni a buon mercato)”, poiché c’è chi aumentano il prezzo fino al 200 o 300%. E ci sono casi in cui i proprietari hanno pagato un prezzo più alto, quindi è improbabile che lo vendano a un prezzo inferiore.

Un altro fattore che ostacola la costruzione di alloggi a prezzi accessibili è la costo dei materiali, per il quale il CMIC promuove l’acquisto consolidato di materiali,”la cosa principale è acciaio e cementopotremmo salva del costo complessivo di una casa 3 o 5%, il che aiuta molto”, però per fare acquisti di materiale in volume è necessario avere un piano abitativo ampio, ad esempio 5mila case, avere una garanzia da parte dello Stato o di altro ente.

La questione del autorizzazionie ha riconosciuto che lo è complicato applicare un’aliquota zero nella licedilizia, poiché i comuni hanno bisogno di entrate, oltre al fatto che “purtroppo non sono sufficienti quelle che richiedono gli alloggi a prezzi accessibili”, tuttavia i comuni potrebbero contribuire riducendo il più possibile i costi dei permessi.

Ha indicato che il CMIC esamina anche a livello nazionale la possibilità di accedere ad un sistema costruttivo diverso da quello tradizionale, che consenta efficienza in termini di costi, sul quale lavora con Infonavit.

Pérez Herrera ha indicato che se tutti questi fattori si combinassero, vale a dire ridurre i costi dei permessi, cambiare il sistema di costruzione, fare acquisti consolidati di materiali e ridurre il costo del terreno del 20 o 30%, ci sarebbe la possibilità di costruire alloggi . di interesse sociale senza bisogno di sussidi, “aiuterebbe lo sviluppo della regione, i lavori di costruzione, la crescita della popolazione, sarebbe un boom per lo Stato”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV “Mayo Riojano” un evento per vivere e sentire la chaya a Buenos Aires
NEXT Un grande incendio ha colpito una fabbrica di sapone nel Barrio Franklin