L’Instituto ha giocato male, ha chiuso peggio e ha perso la trasferta al Regatas della Lega Nazionale

L’Instituto ha giocato male, ha chiuso peggio e ha perso la trasferta al Regatas della Lega Nazionale
L’Instituto ha giocato male, ha chiuso peggio e ha perso la trasferta al Regatas della Lega Nazionale

L’Instituto non si è presentato bene a Corrientes. Ha sofferto molto. Per la sua mancanza di gioco e anche per la sua scarsa efficacia, sia nei tiri da tre che nei tiri liberi. Anche se aveva ancora la possibilità di vincere. Entrò nel frizione (la definizione) in vantaggio, ma non ha saputo chiudere la partita e ha subito una sconfitta incredibile.

A Corrientes, Gloria ha perso alla fine, con le Regatas locali per 68 a 67. Hanno pagato a caro prezzo tutte le mancanze della squadra guidata da Lucas Victoriano. A cinque secondi dalla fine, vincendo per due (67-65), Nicolás Copello è andato sulla linea del tiro libero. Il play ha sbagliato entrambi i tiri e, contro la velocità, Franco Vieta ha segnato la tripla sulla sirena e ha regalato la vittoria alla squadra del Corrientes.

Con la sconfitta, l’Albirrojo scende al terzo posto in classifica, con un record di 24 vittorie e 10 sconfitte, dietro al leader Quimsa e alla guardia olimpica La Banda.

Nella sua pessima presentazione nella capitale del Corrientes, l’Instituto aveva presentato la difesa per lottare e arrivare con la possibilità di vincere. Dopo aver concesso 18 punti nel primo quarto, ne hanno concessi 11 nel secondo e appena 8 nel terzo. Ma nell’ultima è crollato e Regatas ha segnato 31 punti.

Il colpo lo ha avvertito Gloria, che ha avuto una notte da dimenticare al tiro: ha realizzato appena il 25% nelle triple (9/36) e uno scarso 40% nei tiri liberi (8/20). Solo la gerarchia individuale e la spinta della squadra lo hanno tenuto a galla, anche se è rimasto a mani vuote contro un rivale decimato dagli infortuni.

Nicola Pomoli, con la sua spinta pura, è stato uno dei migliori dell’Instituto con 13 punti, 13 rimbalzi e 4 assist. E Bautista Lugarini, come nelle ultime presentazioni, il capocannoniere dell’Alta Córdoba, con 19 gol, più 7 rimbalzi e tre assist.

La squadra di Victoriano affronterà martedì, alle 21, l’ultima trasferta della fase regolare, contro l’Oberá Tenis a Misiones.

La festa dell’Istituto

Il Regatas, nonostante le importanti assenze di Sélem Zafar, Facundo Piñero e Xavier Carreras, si è affidato a Charles Thomas e all’ex Istituto Federico Elías (ha lasciato la squadra dopo essere stato campione della Lega Sudamericana per fare spazio a Nicolás Copello) in attacco , ha approfittato di una misera offensiva del Glory. Cinque sconfitte di Albirrojo gli hanno permesso di correre a casa e hanno fatto una differenza di 12: 18-6.

Pomoli ha segnato la prima tripla dell’Instituto, in 9 tentativi, riportando il punteggio al 9-18 alla fine della prima puntata.

La squadra di Victoriano ha migliorato la difesa, ha recuperato alcuni palloni ed è riuscita a correre fino a segnare un parziale di 7-3 in poco più di tre minuti per segnare il 15-21. Ma Albirrojo ha continuato senza connettersi nell’attacco fisso. L’allenatore ha provato con le “torri gemelle”, Saiz e Acuña, insieme in campo a cercare la partita, anche se la squadra ha continuato a scommettere sulla tripla senza segnare e il Regatas si è salvato ancora 27-16.

Anche se hanno ridotto le sconfitte (2 nel quarto), l’Instituto è stato lontano dalla sua miglior partita, ha sbagliato 10 tiri tentati nel segmento e si è ritrovato all’intervallo sotto 22-29 sul tabellone.

Ha fatto affidamento, ancora una volta, sulla difesa per entrare nel gioco dell’Istituto. Pomoli, con il suo artiglio uruguaiano, trasmesso nella consegna. Allora ti serve una testa. Ma l’uruguaiano va e viene. Si schianta, fallisce, commette errori, ma continua a provarci. Non diminuisce l’intensità. Ed ha eseguito un mini-run di 6-1 per chiudere 28-30 in 2’30.

Ed entrambe le squadre si sono prosciugate. Tanti tentativi, pochi e nessuna conversione.

Ma dopo aver provato così tanto, l’ha trovato al Triple Institute. Pomoli ha segnato e Gloria è andata in vantaggio per la prima volta nella partita 31-30 a 3’50 dalla fine del terzo quarto.

Con poco l’Istituto ha fatto molto e ha vinto il terzo periodo 41-37.

Gloria è tornata nell’ultimo quarto debole e Regatas ha segnato 8-0 in meno di due minuti riprendendo il controllo 45-41. La squadra di Vittoriano, senza trovare la solita linea, ha fatto affidamento sulle apparenze delle sue ricche individualità. Lugarini, che aveva chiuso il terzo segmento con una tripla, è stato l’arma vincente dell’Instituto per lottare a Corrientes.

Anche il capitano Leandro Vildoza si è fatto vedere, segnando 8 punti quasi di fila e l’Instituto ne ha approfittato, in minima parte, fino alla fine. Ma non lo liquidò e rimase senza nulla nella capitale di Corrientes.

Il resoconto della partita

I giochi che restano per Instituto

  • 23/4 contro Oberá Misiones (V)
  • 4/5 contro San Martín (L)
  • 8/5 contro Unión de Santa Fe (L)
  • 19/5 contro Platense (L)
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Tornano il freddo e la pioggia?
NEXT Lo studio rivela che la maggior parte dei campi si è formata dopo il primo governo di Piñera