Il vice commissario condannato è stato dimesso dalla polizia

Il vice commissario condannato è stato dimesso dalla polizia
Il vice commissario condannato è stato dimesso dalla polizia

Il governo provinciale ha ordinato il licenziamento del vice commissario José Ramón Ieno dalla polizia di Entre Ríos, condannato il 22 maggio 2023 a una pena di sei mesi di prigione condizionale e all’interdizione speciale dall’esercizio di pubblici uffici per il reato di inosservanza delle norme le funzioni di pubblico ufficiale.

Nello specifico, la Corte di Processo e d’Appello della Concordia ha accertato che Ieno ha sequestrato droga nel corso di un’operazione ma non ha mai informato l’autorità giudiziaria circa l’esito del sequestro. L’evento è avvenuto nel novembre 2019 su una strada che collega General Campos con Puerto Yeruá. A quel tempo, Ieno era a capo della Brigata Rustling di San Salvador.

Ora, il Ministro del Governo e della Giustizia, Néstor Roncaglia, ha firmato il decreto n° 542/24 con il quale ha ordinato la dimissione di Ieno dalla Polizia. Come registrato UNOla delibera è datata 12 marzo.

LEGGI DI PIÙ: Ex capo della polizia condannato per non aver denunciato una procedura

“Considerato che, il Capo della Polizia della Provincia richiede la destituzione del Vice Commissario José Ramón Ieno dalle file della polizia, in base alla disposizione espressa nell’articolo 59, inc. c) del Regolamento Generale di Polizia-Legge 5654/75, basata sulla sentenza n. 87 del 22 maggio 2023, emessa nell’ambito del fascicolo n. 5737, intitolato “Ieno, José Ramón sulla violazione dei doveri dei pubblici ufficiali”, emesso dalla Corte di Processo e d’Appello di Concordia, attraverso cui il funzionario viene dichiarato «autore materialmente e penalmente autore del delitto di inosservanza dei doveri di pubblico ufficiale e lo condanna pertanto ad una pena di sei mesi di reclusione con ottemperanza condizionale e interdizione speciale dall’esercizio di pubblici uffici per un termine di un anno (doppio termine della pena).'”

Infine, è stato spiegato che, sulla base della procedura regolamentata, la Divisione di Consulenza Legale della Questura e la Direzione Generale degli Affari Giuridici del Ministero della Sicurezza hanno emesso un parere tecnico-giuridico ritenendo il licenziamento dell’Istituto di Polizia di Ieno.

Truck.jpg fruscio automatico

Il caso

Ha rimproverato Ieno di aver affermato che il 22 novembre 2019, intorno alle ore 20,40, nel contesto di un’operazione effettuata da personale appartenente alla Brigata San Salvador Abigeato, hanno trovato e sequestrato: un berretto grigio con visiera nera che All’interno c’era una calza nera, con un sacchetto di nylon che conteneva al suo interno pezzi di una sostanza compatta di colore marroncino, presumibilmente stupefacenti del tipo marijuana. Il ritrovamento è avvenuto sulla strada che va da General Campos a Puerto Yeruá.

“Questi effetti (tappo e narcotici) sono stati affidati al capo della Brigata Russling, José Ramón Ieno, all’interno di una busta posta in un cassetto della scrivania dell’ufficio, il quale ha sottratto detti effetti all’ambito della Pubblica Amministrazione e ha omesso intenzionalmente di eseguire ciò che è prescritto nel Codice di Procedura di Entre Ríos, Legge n. 9.754 e sua Legge di modifica n. 10.317, nell’ambito dell’esercizio delle sue funzioni di Capo di turno della Brigata Abigeato di San Salvador, senza comunicare alle autorità corrispondenti Delegazione di Tossicologia, Unità Fiscale e Direzione del Dipartimento, e la rimozione dell’effetto che era sotto la loro stretta custodia”, si legge nell’accusa.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Ha minacciato la sua ex dal carcere di Las Flores e si è conclusa con una nuova condanna
NEXT Ci sono chiusure sulle strade da Medellín a Urabá e Chocó a causa dei blocchi delle comunità indigene