Sotto la pioggia, gli abitanti di Tucumán escono per difendere l’università pubblica

Sotto la pioggia, gli abitanti di Tucumán escono per difendere l’università pubblica
Sotto la pioggia, gli abitanti di Tucumán escono per difendere l’università pubblica

Si riuniscono in Plaza Independencia per chiedere il taglio del bilancio.

Nemmeno la pioggia li ha fermati. Con piloti o ombrelli, gli abitanti di Tucumán sono scesi in piazza per difendere l’università pubblica, come è successo in quasi tutto il paese. Protesta contro il taglio del budget destinato alla formazione accademica degli studenti.

FOTO LA GACETA/INÉS QUIINTEROS ORIO

I manifestanti portano striscioni che rifiutano l’aggiustamento del bilancio che ha un impatto diretto sul sistema dell’istruzione superiore, nonostante l’aumento del 140% dei fondi annunciato dal governo come accordo, di cui il Consiglio interuniversitario non è a conoscenza.

FOTO LA GACETA/INÉS QUIINTEROS ORIO

Nel caso di Tucumán ci furono due vie di concentrazione. Da un lato, si è svolto un abbraccio simbolico presso il Rettorato dell’Università Nazionale di Tucumán (UNT). E d’altra parte, c’è stato un evento simile all’Università Tecnologica Nazionale (UTN), in Rivadavia 1050.

FOTO LA GACETA/INÉS QUIINTEROS ORIO

Poi tutti hanno iniziato la marcia verso Plaza Independencia.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’emozione del figlio di César Luis Menotti nel suo ultimo addio: “Era tornato nel luogo che amava”
NEXT Lo studio rivela che la maggior parte dei campi si è formata dopo il primo governo di Piñera