La nonna salta la marcia per l’istruzione pubblica: “Vado all’università”

La nonna salta la marcia per l’istruzione pubblica: “Vado all’università”
La nonna salta la marcia per l’istruzione pubblica: “Vado all’università”

Una nonna salta si unì al Marcia universitaria ad alzare la voce in difesa dei diritti dei giovani. Con 17 nipoti sotto la sua responsabilità, di cui 4 studiano nel università pubblicaquesta donna coraggiosa ha deciso che era ora di agire e ha chiacchierato con il team di Que Pasa Salta.

La cosa più stimolante è lei stessa sta studiando teatro nel UNSa e sentiva di dover contribuire con il suo granello di sabbia a questa causa molto importante. Con la sua presenza alla marcia ha mostrato il suo sostegno e la sua solidarietà agli studenti che lottano per un’istruzione pubblica di qualità.

La marcia universitaria, iniziata alle 15.00 Salto, riunisce studenti, docenti, laureati, rettori, ricercatori, sindacati e organizzazioni della società civile. Tutti si uniscono in risposta all’aggiustamento del bilancio delle università pubbliche, dimostrando che la comunità è unita e disposta a difendere i propri diritti.

La partecipazione di questa nonna di Salta è un esempio del fatto che la lotta per l’istruzione non ha limiti di età. Il loro coraggio e il loro impegno sono fonte di ispirazione per tutti coloro che cercano un futuro migliore per le generazioni future.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Festa del contadino cubano celebrata a Holguín
NEXT Esami di ammissione: la matematica delude ancora; La Spagna è ancora in debito