Forte identità musicale e un percorso ‘in crescendo’, la banda della Salute di Córdoba compie 20 anni

La band che nasce con un gruppo di giovani provenienti da Quartiere arancione Nel 2004 è cresciuta fino a raggiungere oggi i 180 membri. L’Associazione Culturale dei Musicisti di Cornetti e Tamburi Nuestra Señora de la Salud de Córdoba ha appena festeggiato vent’anni di esistenza.

Vari palcoscenici e nomi si sono susseguiti dal 7 aprile 2004 fino a diventare quello che è oggi: un gruppo che suona durante le Settimane Sante di Córdoba e provincia e Siviglia con uno stile molto definito. Ha debuttato il Martedì Santo del 2005 con Cristo dell’Agonia.

Il suo primo album, Amaneceres, ha venduto più di 500 copie e ha suscitato l’interesse di molte parti dell’Andalusia e del resto della Spagna. Quest’opera è piaciuta anche nella sua terra. Su Spotify le marce più ascoltate sono ‘Amaneceres’ e ‘Gólgota’.

L’attuale direttore, Ricardo Cabanillas Fernández ne fu il promotore. Tutto è nato dopo aver visto la sua confraternita di Agonía il Martedì Santo per strada con un’altra banda e gli è venuto in mente di formarne una, come ricorda il vicedirettore della banda della Salute. Alberto Lopezper l’ABC.

La Banda della Salute, durante il trasferimento del Cristo dell’Agonia dal proprio quartiere, nel marzo 2012

Roldán Serrano

Gli venne in mente di fondare una band nel suo quartiere perché in passato c’erano due band in quella zona con un altro nome e “la sua mente si illuminò”. perché no salva la band dal suo quartiere per suonare il suo Cristo. E per questo ha iniziato con gli ex colleghi a portarla avanti.

Alberto López è entrato un anno e mezzo dopo la fondazione, quindi ha vissuto tutti questi anni dal di dentro: «All’inizio eravamo Pochissimi componenti, eravamo tutti amici. L’evoluzione stava avvenendo poco a poco, ma quando Humildad y Paciencia ci diede l’opportunità di firmare il grosso contratto a Córdoba la band crebbe in modo abissale: fu un inserimento di componenti, musicalmente la band era molto veloce.

Fernando Cano Moyano è responsabile della direzione musicale insieme alla sua squadra. Tra i nomi più importanti da considerare ci sono anche Tomás López (uno dei fondatori che fa ancora parte della band), Sergio Larrinaga (morto quando era giovane) e Jorge Águila, insieme ad altri.

López sottolinea anche come fondamentale il primo fratello maggiore dell’Agonia che fu alle origini, Antonio Ranchal“al quale siamo molto grati”.

Allo stesso modo, menziona Francesco Carboneroche ha ricoperto quell’incarico per otto anni “che ha sempre scommesso al cento per cento su di noi”, e apprezza anche il sostegno e la grande accoglienza di tutte le confraternite.

Concerto della Banda della Salute per i bambini ricoverati nell’ospedale Reina Sofía, nel 2016

Valerio Merino

I suoi membri sono 50% uomini e 1 50% donne“Tutti si dedicano allo stesso hobby allo stesso modo”, spiega López. Sono nell’attuale sala prove, a Chinales, da più di dieci anni. L’hanno ristrutturato, insonorizzato la sala prove e dispongono di un proprio studio di registrazione, dove hanno pubblicato, come non poteva essere altrimenti, “Amaneceres”.

E il momento attuale, nel 2024, Alberto López lo definisce “spettacolare”. L’album, il primo di tutta la sua storia, riflette questo.

Il repertorio della Banda della Salute è incorniciato in uno “stile di solennità e coraggio”. Scommetto che proprie composizionirecupera anche opere antiche e serve anche compositori spagnoli e aggiunge marce classiche a quanto viene eseguito ogni anno.

La Settimana Santa del 2024 sarebbe potuta spettare al Signore del Silenzio, nella Domenica delle Palme e nel Martedì Santo, al Cristo dell’Agonia. Anche a Montilla (il percorso era quasi completo, accorciato di appena un’ora) e a Siviglia non potrebbe essere colpa della pioggia.

Ciò che avevano concordato con le confraternite era di eseguire il 39% delle proprie marce, il 32% di stile classico e il restante 29% di tipo popolare, come suddiviso sul loro sito web.

Per il modo in cui si mostrano nelle loro esibizioni, la Banda della Salute si è ispirata all’eleganza della divisa degli ottima etichetta dell’Esercito.

Si compone di pantaloni, giacca e coppola nera, cintura con etichetta larga, spalline e bottoni dorati. Sul collo è presente una S coronata dall’Ave Maria, in allusione alla Vergine della Salute.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’evoluzione dei prezzi delle case a Cordoba — idealista/news
NEXT Lo studio rivela che la maggior parte dei campi si è formata dopo il primo governo di Piñera