Il direttore della polizia ha riconosciuto che non ci sono garanzie per raggiungere El Plateado nel Cauca

Cauca vive una guerra costante a causa delle continue azioni violente dei dissidenti delle FARC. I gruppi di Iván Mordisco e Iván Márquez si fronteggiano e si attaccano a vicenda, e anche la forza pubblica sta effettuando operazioni contro le strutture criminali, una delle zone più colpite è Plateado, nel dipartimento del Cauca.

Recente attacco a El Plateado, Cauca. | Foto: @AntonioMinotta

“Quando ci saranno garanzie per la vita, la sicurezza e il benessere della polizia, saremo nella posizione giusta”, ha affermato il generale Salamanca. Ha aggiunto che: “ci sono situazioni avverse, la prima è che non abbiamo un comando di polizia affinché i nostri agenti di polizia possano raggiungere il posto. La seconda è che non abbiamo le condizioni sanitarie, e mi riferisco ad alcune offerte sanitarie nel caso in cui un agente di polizia abbia bisogno di essere curato. E il terzo è che non abbiamo le condizioni di benessere”.

Il comando di polizia ha indicato che l’arrivo a El Plateado è coordinato con le forze militari. “Siamo molto coordinati con il comandante generale delle forze militari”, ha detto.

Nel Cauca i dissidenti hanno un potere elevato penale. In quella zona ci sono i dissidenti che evidentemente non vogliono proseguire i colloqui di pace. I delegati dissidenti come alias Andrey hanno riconosciuto che ci sono fratture nell’organizzazione e la comunicazione con Ivan Mordisco è lontana.

Il direttore della Polizia, generale William Salamanca, ha assicurato che non ci sono garanzie per trovarsi a El Plateado. | Foto: Paese

“Posso dirvi molto francamente che c’è un problema di coordinamento interno. Non posso dire bugie né a te né al popolo colombiano. C’è un problema interno riguardante i modi di vedere e interpretare il momento politico del Paese. C’è una grande divisione in questo. Non abbiamo confronti o difficoltà su larga scala, ci sono alcune osservazioni che sono stati fatti. Quando parlo di noi, intendo quelli di noi che restano nel processo, perché c’è una parola impegnata”.

Riguardo al rapporto con Iván Mordisco, Andrey ha detto a SEMANA che: “abbiamo avuto problemi di comunicazione con Iván Lozada (Mordisco), così come con i nostri colleghi delle Farc del Cauca. Le condizioni di Catatumbo, ovviamente, non sono quelle di Caquetá; Ad esempio, c’è diversità di pensiero, e a ciò si aggiunge il problema degli scontri, delle guerre o dei conflitti nelle regioni”.

Andrey Avendaño
Il comandante Andrey Avendaño negoziatore dei dissidenti dello Stato Maggiore Centrale delle FARC EP San Vicente del Caguán 9 aprile 2024 Foto Guillermo Torres Reina / Semana | Foto: Foto Guillermo Torres Reina

Da parte sua, il ministro della Difesa, Ivan Velásquez, in recenti dichiarazioni ha indicato che il cessate il fuoco con i dissidenti delle FARC a Cauca, Nariño e Valle del Cauca è rimasto sospeso.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Ricerca disperata del presidente dell’Iran dopo che il suo elicottero si è schiantato
NEXT Quanto spenderanno i tifosi di Tucumán che andranno a vedere Niall Horan