Il Comitato CREG ha ordinato di non applicare il programma di incentivi per il risparmio energetico nel Paese

Il Comitato CREG ha ordinato di non applicare il programma di incentivi per il risparmio energetico nel Paese
Il Comitato CREG ha ordinato di non applicare il programma di incentivi per il risparmio energetico nel Paese

Questo martedì, 30 aprile, la Commissione per la Regolazione dell’Energia in Colombia ha annunciato che non implementerà più il programma di incentivi per il risparmio dei servizi, che rientrava nelle misure proposte dal Ministero dell’Energia, per il recupero dei serbatoi ed evitare così possibili razionamenti.

Potresti essere interessato

  • Gli utenti beneficeranno di un aumento della tariffa energetica a causa della forte domanda di impianti termoelettrici
  • La capacità dei serbatoi per la produzione di energia ad Antioquia è inferiore al 30%
  • Quali sono le prospettive energetiche nei Caraibi? I settori chiedono misure a causa dei tassi elevati

Nella dichiarazione pubblicata attraverso i propri canali digitali, l’entità ha assicurato che ciò è dovuto ai cambiamenti delle condizioni meteorologiche degli ultimi giorni è che confermano la conclusione anticipata del programma di utilizzo efficiente dell’energia.

Nel comunicato si legge quanto segue: “Confrontando il livello aggregato del giacimento al 29 aprile 2024, con i livelli minimi determinati nel percorso di monitoraggio, il comitato di esperti CREG rilevato che gli attuali livelli dei serbatoi sono nella condizione prevista per l’ultimo giorno di aprileun cambiamento importante nella situazione che ha motivato il lancio del programma di incentivi.”

Inoltre, hanno aggiunto: “L’entità dimostra il suo impegno per la trasparenza comunicando apertamente le ragioni della chiusura del programma, oltre a tenere informate tutte le parti interessate sui cambiamenti e sulle loro ragioni.

#Colombia

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Tesla mette in vendita la Model 3 Performance in Cile
NEXT L’INDH riferirà all’esercito cileno e al Seremi de Salud di Arica e Parinacota per conoscere la situazione del coscritto deceduto e di altre 45 persone colpite fisicamente durante un’esercitazione militare