Orrico: “Lo sviluppo portuale è uno dei pilastri per la crescita complessiva di Entre Ríos”

Orrico: “Lo sviluppo portuale è uno dei pilastri per la crescita complessiva di Entre Ríos”
Orrico: “Lo sviluppo portuale è uno dei pilastri per la crescita complessiva di Entre Ríos”

“La situazione attuale e la proiezione futura dei porti di Entre Ríos” è stato uno degli assi delle esposizioni che si sono svolte il 30 aprile durante il XVIII Incontro del Trasporto Fluviale Argentino che si è svolto presso la sede della Borsa dei Cereali nella città di Rosario.

Juan Ruiz Orrico, presidente dell’Istituto Portuale Provinciale di Entre Ríos (IPPER), ha avuto il compito di presentare al pubblico le capacità e il potenziale dei porti di Concepción del Uruguay, Ibicuy, Diamante e La Paz, i quattro porti pubblici che dipendono sul Governo di Entre Ríos, e che oggi fanno parte dell’asse produttivo ed esportatore della provincia.

“Questo incontro nella città di Rosario riunisce tutti i porti del paese e serve a mostrare, condividere e discutere le attuali novità portuali in Argentina. Entre Ríos ha molto da mostrare e, per il governo provinciale, lo sviluppo portuale è uno dei pilastri per la crescita integrale di Entre Ríos, consapevole che i porti sono fondamentali per la produzione, l’industria e la creazione di posti di lavoro”, ha osservato Ruiz.

Nello stesso senso ha sottolineato: “Sono convinto che il futuro sviluppo della produzione e la competitività della regione dipendano dai trasporti fluviali e marittimi, dalla capacità dei nostri porti e, soprattutto, dalla questione ambientale”. Il trasporto fluviale è, in assoluto, quello che inquina meno e contribuisce maggiormente alla tutela dell’ambiente”, ha sottolineato il Presidente dell’IPPER.

Orrico ha sottolineato che Entre Ríos è in una posizione privilegiata per il trasporto fluviale in Argentina poiché dispone di tre porti sul fiume Paraná, cioè Diamante, La Paz e Ibicuy, e uno sul fiume Uruguay, a Concepción del Uruguay.

“Il sistema portuale di Entre Ríos dispone anche di un’infrastruttura ferroviaria in ripresa che ci collega con tutti i terminal. Oggi al porto di Ibicuy arrivano merci da diversi punti della Mesopotamia, il che conferma che i porti della nostra provincia non sono solo per Entre Ríos, ma sono disponibili per l’intera regione”, ha spiegato Orrico.

In questo senso, ha sottolineato che il recupero della ferrovia è stato realizzato grazie al lavoro congiunto con il settore privato, e questo tipo di alleanze sono vitali per lo sviluppo comune.

“La sfida ora è aggiungere carichi di container da Entre Ríos. Abbiamo una varietà di carichi per questo tipo di trasporto e il governatore Rogelio Frigerio sta dando il suo pieno sostegno per aggiungere container ai nostri porti. Tanto per fare un esempio, a Entre Ríos abbiamo più del 60% della produzione avicola di tutta l’Argentina, una produzione con valore aggiunto che deve lasciare i porti di Entre Ríos. Ma abbiamo anche gli agrumi, il riso e molte economie regionali che richiedono uno sbocco alla portata di tutti”, ha rimarcato Juan Ruiz Orrico durante la sua presentazione all’Incontro dei Trasporti Fluviali Argentini.

Fonte: Stampa portuale locale.

Questa nota è possibile grazie al contributo dei nostri lettori

Unisciti alla comunità El Miércoles attraverso un contributo finanziario mensile affinché possiamo continuare a fare giornalismo libero, cooperativo, incondizionato e autogestito.

Lascia il tuo commento

Commenti

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Nelson Dorr, un nome imprescindibile sulla scena cubana › Cultura › Granma
NEXT Dura sanzione per Godoy Cruz per i fatti violenti contro il San Lorenzo in Lega Professionistica