più di 3.000 bambini non hanno ricevuto cibo

più di 3.000 bambini non hanno ricevuto cibo
più di 3.000 bambini non hanno ricevuto cibo

I continui assedi e intimidazioni nei confronti dei dissidenti Algeciras, Huilaha portato le autorità a sospendere l’ Programma di alimentazione scolastica (PAE)così 3.300 studenti sono rimasti senza pranzo e senza i rinforzi alimentari che ricevono nelle loro istituzioni educative nelle aree urbane e rurali.

Ciò è stato confermato dall’ Segretario dell’Istruzione di Huila, Orlando Parga Rivasil quale ha sottolineato che, a partire da lunedì, non ci sarà cibo per 2.121 bambini degli istituti scolastici delle zone rurali e altri 1.087 del settore urbano.

Potrebbe interessarti: Attentati a Casanare: allerta per attentato con granata e incendio di un autobus

La misura è stata adottata dal governo dipartimentale per garantire la vita degli operatori e dei lavoratori del PAE che rendono realtà questo programma che mira all’ingresso e alla permanenza dei bambini nelle classi.

Secondo le informazioni, i dissidenti dei fronti ‘Iván Díaz’ e ‘Darío Gutiérrez’, presenti nella zona, starebbero esercitando pressioni sui lavoratori e sugli operatori del PAE per costringerli a pagare delle estorsioni, generando paura in tutto il comune. A ciò si aggiunge che 70 lavoratori, per lo più donne, sono rimasti senza lavoro.

Inoltre: le temibili bande criminali che commettono crimini a Barrancabermeja e causano morti violente

“Per ragioni di sicurezza e garanzie Per raggiungere le istituzioni educative urbane e rurali, il PAE è temporaneamente sospeso”, ha affermato il Segretario dell’Istruzione.

Questa situazione, oltre a mettere a rischio la sicurezza alimentare degli oltre 3.000 ragazzi e ragazze che accedono ai benefici del PAE, incide negativamente sui diritti della popolazione scolastica di Algeciras.

NEIVA

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV si aggiudica un contratto da 30 miliardi di dollari per la costruzione dell’ospedale
NEXT Il primo condor nato in cattività è morto per avvelenamento – Nazionale