César Farías dopo la partenza dall’América de Cali: “Sono arrivato in un momento difficile, non ho messo insieme la squadra e ho dovuto sopportare tutto”

César Farías dopo la partenza dall’América de Cali: “Sono arrivato in un momento difficile, non ho messo insieme la squadra e ho dovuto sopportare tutto”
César Farías dopo la partenza dall’América de Cali: “Sono arrivato in un momento difficile, non ho messo insieme la squadra e ho dovuto sopportare tutto”

César Farías non è più direttore tecnico del club colombiano América de Cali. Ciò a causa degli scarsi risultati ottenuti dalla squadra del Valle del Cauca e degli attriti tra lo stratega con la stampa sportiva e un settore della tifoseria ‘Scarlatta’.

Dopo la sua partenza dalla squadra americana, l’allenatore venezuelano ha rilasciato un’intervista al media Telepacífico.

“Non abbiamo davvero raggiunto gli obiettivi prefissati e ci hanno licenziato nella maniera stabilita, che era nel contratto, e questo fa parte del calcio. Lo sapevo prima di venire qui. “Il mio rappresentante mi ha detto che stavo per avere un problema perché questi proprietari avevano 16 pullman.”disse Farías.

“Ci mancavano i risultati perché fosse un’altra storia (…) L’America era regolarmente classificata all’ottavo posto per un po’ ma io non ho fatto il precampionato, non ho portato giocatori, sono arrivato in un momento difficile, non ho fatto Per mettere insieme la squadra, ho dovuto sopportare tutto ciò che era difficile e ce l’abbiamo fatta”ha osservato.

L’allenatore 51enne ha colto l’occasione per difendersi da quei giornalisti che parlano di presunti maltrattamenti subiti da Farías con i suoi ex allenatori.

“Dopo aver pareggiato la classica in un ambiente difficile, si sono cominciati a commentare cose che non condivido perché non sono accadute. Sono d’accordo con un allenatore che se ne va per mancanza di risultati, è una cosa normale nel calcio e non è fuori parametri. Non è giusto dire sciocchezze e diffamare qualcuno.”considerato.

“Non ho mai avuto cattivi atteggiamenti con nessuno, questo mi fa ridere. Sì, ho litigato e litigato nella mia carriera ma sempre con i rivali o con la stampa, abbiamo avuto divergenze. Mai con quelli della mia squadra, che sono appunto una squadra Non mi piace la falsità, dico le cose in modo chiaro e sono trasparente, cosa che a quanto pare non piace a molti”Ha aggiunto.

L’eliminazione del cast del ‘diavolo’ dall’attuale stagione calcistica colombiana ha avuto il suo effetto. Vale la pena ricordare che l’ex allenatore del ‘Vinotinto’ non si è divertito molto nel suo club. Al di là della sconfitta contro il Santa Fe, che ha portato all’imminente eliminazione dal campionato colombiano, hanno cominciato a venire alla luce presunti cattivi comportamenti di Farías alla guida della squadra in cui è arrivato lo scorso gennaio.

L’América de Cali inizia la ricerca del suo nuovo direttore tecnico. Tra i profili figurano nomi come: Wilmer Cabrera, ex calciatore e idolo dell’istituzione, Luis Fernando Suárez, che ha appena allenato la Nazionale del Costa Rica, e Gabriel Milito, allenatore dell’Atlético Mineiro del campionato di Serie A brasiliano.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV “Quando troveremo una soluzione ai problemi che abbiamo?”, chiede monsignor Leigue.
NEXT Il diario della Pampa