Intensificheranno la ricerca dei dispersi a causa del conflitto a Huila

Intensificheranno la ricerca dei dispersi a causa del conflitto a Huila
Intensificheranno la ricerca dei dispersi a causa del conflitto a Huila

La decisione è stata presa dall’Unità delle persone denunciate come scomparse dell’UPDPD e dal JEP Giustizia speciale per la pace..

Di: Gisela Hurtado Celis – @giselahcelis

Nell’ambito del contributo alla costruzione della pace e al rafforzamento del lavoro di ricerca di quasi 1.500 persone scomparse nel dipartimento di Huila, l’Unità di ricerca per le persone segnalate come scomparse (UBPD) e la Giurisdizione speciale per la pace (JEP) hanno riferito che i comparsi davanti al meccanismo giudiziario potranno contribuire al lavoro umanitario svolto dall’UBPD nell’ambito delle Opere, Opere e Attività di Contenuto Riparatore e Riparatore (TOAR) nel sud del Paese.

Durante l’ultima sessione del “Tavolo tecnico per la promozione e l’articolazione di lavori, opere e attività con contenuto riparativo e riparativo, guidato dal governo di Huila, gli enti partecipanti hanno deciso che sia il personale militare legato al caso 03, che indaga sui “falsi positivi”, come i combattenti delle FARC, fornisce informazioni e manodopera tangibile, come parte dell’impegno a riparare le ferite lasciate dalla guerra.

Secondo Camilo Ernesto Gómez Alarcón, coordinatore dell’Unità di Ricerca di Huila, questa linea d’azione all’interno del Toar sarà incaricata, in modo particolare, di orientare le attività che permettano di ritrovare le persone che potrebbero essere sepolte nei cimiteri il Dipartimento.

Inoltre, ha sottolineato che l’attuazione di quanto concordato dipende da una somma di volontà a favore della guarigione collettiva degli effetti del conflitto armato nella regione e richiede un lavoro congiunto tra diverse istituzioni e organizzazioni.

Richiede tutti gli attori della società, tutti noi che tessiamo memoria. È importante che attorno a questi Toar della ricerca ci si possa sedere e costruire insieme per poter dare risposte alle famiglie in ricerca.“, ha sottolineato.

Il Tavolo tecnico è stato creato con il decreto 355 del 2022 e secondo il magistrato PEC, Alejandro Ramelli Arteaga, con la recente decisione di mettere al primo posto la ricerca, si spera che quelli che compaiono possano essere collegati al più presto possibile ai progetti Toar consentire loro di fornire contributi oltre alla fornitura di informazioni relative ai luoghi in cui vengono smaltiti i corpi.

Che vadano non solo dando informazioni, che è loro dovere in quanto tali, ma anche svolgendo un lavoro che possa contribuire alla ricerca e anche alla riparazione simbolica delle vittime.“, ha affermato il giudice Ramelli Arteaga, che a sua volta ha riconosciuto che si attendono progressi in questo senso, in merito all’udienza di riconoscimento della verità che si terrà il prossimo agosto.

Mi piace questa:

mi piace Ricarica…

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il Flamengo ha sconfitto nuovamente l’Amazonas e ha raggiunto gli ottavi di finale della Coppa del Brasile
NEXT Spezzatino contaminato, 8 avvelenati e un morto: “Chi lo cucinava non mangiava”