Per Fernández, a San Juan la riduzione delle tasse “non è un problema”

Per Fernández, a San Juan la riduzione delle tasse “non è un problema”
Per Fernández, a San Juan la riduzione delle tasse “non è un problema”

Con la mezza approvazione della Legge sulle Basi alla Camera dei Deputati della Nazione, il Regime di Incentivazione dei Grandi Investimenti (RIGI) era ad un passo dall’essere approvato. Questo sistema fornirà benefici fiscali per investimenti superiori a 200.000.000 di dollari, che a San Juan si traducono in strutture per l’avvio di progetti minerari. Ma c’è una polemica: la possibilità che il reddito lordo e le tasse comunali cessino di essere riscossi e, di conseguenza, che ciò influisca negativamente sugli incassi. . Detto questo, il Ministro della Produzione, del Lavoro e dell’Innovazione, Gustavo Fernández, si è calmato e ha assicurato che le tasse continueranno a essere riscosse, ma che non si potranno aggiungere altre aliquote in futuro. Inoltre ha assicurato che la riduzione delle tasse non è un problema per la provincia.

“Le tasse non smetterebbero di essere riscosse. Ciò che stabilisce il RIGI è che province e comuni non possono aggiungere tasse. San Juan non ha problemi in questo senso, perché ha una politica fiscale abbastanza stabile”, ha detto a questo proposito il Ministro Fernández.

Quindi, la RIGI non rimuove le tasse, ma piuttosto mette una sorta di blocco alle province e ai comuni che aderiscono in modo che non possano aggiungerne altre in futuro, il che genererà una maggiore sicurezza giuridica per le imprese che possono insediarsi e investire. Nella provincia questa situazione non desta preoccupazione, ha avvertito, perché lo Stato locale si sta muovendo verso una filosofia di riduzione delle tasse, come la riduzione della tassa automobilistica.

“L’impatto principale sulla provincia sarà quello di fissare una data per gli investimenti nel settore minerario per la costruzione di miniere, perché finora si tratta solo di esplorazione. Ciò di cui abbiamo bisogno è che si prendano decisioni a questo livello e che si inizi lo sfruttamento del rame”, ha affermato Fernández.

In questo senso, il ministro ha tranquillizzato i comuni minerari e ha affermato che, anche se ci sarà il “congelamento” delle tasse, lo sfruttamento dei progetti di rame consentirà di aumentare le royalties e di generare trust. Questo non sarebbe in pericolo.

Fernández ha assicurato che, lungi dal nuocere alle province, la RIGI è una sorta di anticipo dei benefici fiscali affinché le decisioni sui grandi investimenti vengano “prese adesso” e non entro due anni. Per il resto delle unità produttive questi privilegi arriveranno “col tempo”. “Le condizioni offerte dal RIGI in materia fiscale sono condizioni che il presidente si è impegnato a installare in altri settori”, ha affermato.

Danneggia un settore?

Dall’Unione degli industriali hanno espresso preoccupazione perché il RIGI propone che i grandi investimenti possano importare senza tasse, così le aziende locali continueranno a pagare le tasse del Paese e si genera concorrenza sleale. Detto questo, Fernández ha affermato che questo onere “prima o poi verrà eliminato” e le imprese nazionali smetteranno di pagarlo.

Il Ministro ha precisato che a San Juan la possibile eliminazione della tassa Paese è completata dagli impegni che le compagnie minerarie dovranno assumere con le comunità locali.

Un accordo politico

Il RIGI è stato l’unico articolo della Legge Base che ha avuto il sostegno dei sei deputati nazionali di San Juan. Per Unión por la Patria (UxP), Walberto Allende, Jorge Chica e Fabiola Aubone hanno votato positivamente; per Together for Change (JxC), Nancy Picón e María de los Ángeles Moreno; e per La Libertad Avanza, José Peluc.

“Che la RIGI abbia avuto l’appoggio anche dei deputati peronisti è un grande messaggio della convenienza che ha per San Juan”, ha detto a questo proposito Fernández.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il bioingegnere di Entre Ríos che ha aperto la strada a una missione in Antartide
NEXT Deportes Tolima costretto a vincere a Manizales | Il cronista