Il Ministero dell’Istruzione dà priorità al clima scolastico sano per il nuovo anno scolastico

Il Ministero dell’Istruzione dà priorità al clima scolastico sano per il nuovo anno scolastico
Il Ministero dell’Istruzione dà priorità al clima scolastico sano per il nuovo anno scolastico

In una giornata di lavoro guidata da Il Ministro dell’Istruzione, Silvia Fuentes, e il segretaria del portafoglio educativo, Mariela Luejegli assi d’azione che segneranno le azioni del Uffici Tecnici Interdisciplinari nell’anno scolastico 2024. Il direttore di questi uffici, Luis Lucero, insieme alla sua squadra composta dalla vicedirettrice Rosa González e dalla coordinatrice del livello, Silvia Monardes, hanno presentato le linee strategiche che guideranno il loro lavoro.

Tra gli obiettivi centrali ci sono la promozione di un clima scolastico sano e la prevenzione di situazioni complesse. Questi aspetti diventano di vitale importanza nel contesto attuale, dove le sfide educative e sociali si sono moltiplicate.

Nel corso della riunione di lavoro è stato sottolineato l’importanza di fornire agli insegnanti tutti gli strumenti necessari per affrontare le diverse realtà che si presentano in classe. Inoltre, è stata sottolineata la necessità di fornire supporto e contenimento sia agli studenti che alle loro famiglie, considerando che le difficoltà di apprendimento possono essere legate a vari fattori, come problemi sociali, di convivenza o emotivi.

Dopo la presentazione e l’analisi degli ambiti di lavoro, si è proceduto alla concreta attuazione del programma da parte dei professionisti che compongono i Gabinetti Tecnici Interdisciplinari del MIUR. Questa iniziativa mira a rafforzare il lavoro educativo e contribuire allo sviluppo globale degli studenti, garantendo un ambiente scolastico favorevole all’apprendimento e alla crescita personale.

#Argentina

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il Ministro dell’Uguaglianza e dell’Equità lancerà il primo registro Wayuu multidimensionale
NEXT Quando si svolgerà la Fiera del Libro di La Rioja 2024?