quale agenzia provinciale avvierà un audit per l’assenteismo

In linea di principio verrà effettuato un controllo sui certificati medici presentati e verranno stabilite pratiche preventive per ridurre al minimo gli infortuni e l’usura fisica dei lavoratori.

Sorgenti termali di Copahue con neve IA.jpg

L’Ente Provinciale di Termas avvierà una verifica per assenteismo del personale.

Questo approccio mira non solo a migliorare l’efficienza e la trasparenza sul posto di lavoro, ma anche a garantire un trattamento equo a tutti i dipendenti.

In questo senso, il presidente della EPROTEN, Matías Ramos ha dichiarato: “La collaborazione e lo sforzo congiunto di tutti i membri della comunità delle Termas de Neuquén per creare un ambiente di lavoro più trasparente ed efficiente”.

Altri controlli in provincia

Il ministro del Lavoro e dello sviluppo della forza lavoroLuca Castelliha spiegato all’epoca lo stato di avanzamento degli audit iniziati alla fine dello scorso anno, che Hanno rilevato centinaia di “gnocchi”, cioè i dipendenti pubblici che Ricevevano lo stipendio, ma non partecipavano ai loro luoghi di lavoro. In questo quadro, hanno anche rivelato incoerenze nel denaro utilizzato dalle organizzazioni sociali attraverso la cooperativa di lavoro.

Castelli ha riferito che continuano ad avvisare i dipendenti affinché possano giustificare le loro assenze e restituire i soldi incassati. Una volta terminata questa fase, si procederà con i riepiloghi e, se applicabile, con i licenziamenti nelle posizioni.

“Sono stati inviati lettere documentali a diversi dipendenti pubblici che non si sono presentati al lavoro. L’area Ottimizzazione lo sta realizzando insieme alle Risorse umane”, ha affermato.

castelli.jpg

Il ministro del Lavoro Lucas Castelli sta guidando il processo di audit nella provincia.

Lo ha detto il funzionario “chiedono ancora documentazione” a persone “che prestavano un servizio, sia all’interno di uno Stato che di un ente decentrato” con l’obiettivo di “giustificare se vi fosse un’affiliazione o una certificazione”.

“Se non si trova alcuna giustificazione ovviamente bisogna andare avanti con la cassa integrazione. Con chi non può presentare la documentazione si andrà avanti chiedendo la restituzione dei soldi e, successivamente, con la cassa integrazione. Non c’è spazio per una persona di guadagnare soldi nello Stato e non andare a lavorare da nessuna parte.“, ha sottolineato Castelli, sottolineando che “se c’è truffa ai danni dello Stato, ovviamente la Procura della Repubblica porterà avanti la questione penale”.

Promuovere il lavoro e le organizzazioni sociali

Alla fine dello scorso dicembre, un’indagine del procuratore federale Guillermo Marijuán ha stabilito che più di novemila dipendenti pubblici provinciali e quelli della Città Autonoma di Buenos Aires erano beneficiari del Migliora il lavoro in evidente fatto di incompatibilità. A Neuquén sono state individuate 343 persone in questa situazione.

A questo proposito Castelli ha chiarito che la Giunta provinciale Non ha accesso al caso perché è giurisdizione federale.. “All’epoca dovevamo fornire loro tutte le informazioni da parte di tutti i dipendenti pubblici della provincia, sulle diverse modalità, affinché potessero effettuare la traversata. Capisco che la marijuana sta andando avanti, come stiamo facendo all’inizio , per il percorso amministrativo”, ha affermato.

Aumenta il lavoro.png

Archivio

Marijuana dimostrato l’identità di almeno 8.535 dipendenti di 10 province beneficiarie del programma Potenciar Trabajo e lo scorso novembre ha chiesto che i database dei lavoratori statali delle 23 province e della Città Autonoma di Buenos Aires fossero incrociati con il registro del piano sociale.

La marijuana li accusa di “portare avanti presunte manovre illecite che potrebbe trovare tipico adattamento nel reato di truffa ai danni della Pubblica Amministrazione; così come nei confronti dei pubblici ufficiali nazionali e provinciali che con le loro azioni o omissioni hanno consentito o agevolato la commissione di tali frodi ai danni dello Stato nazionale, condotta che, in linea di principio, rientrerebbe nel reato di violazione dei doveri del pubblico ufficiale”.

D’altronde, all’inizio di febbraio, Castelli ha accusato la cooperativa Viento Sur – attraverso la quale l’ Organizzazioni sociali ricevuto fondi per la formazione – di aver ricevuto una cifra milionaria dalla precedente amministrazione provinciale e di non essere responsabile di tali fondi. Inoltre, ha assicurato che ci sono stati pagamenti con carte di credito, l’acquisto di un camion e tre milioni di pesos in chorizos.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Bojayá ha commemorato un altro anniversario del massacro del maggio 2002 | L’UNIVERSALE
NEXT Viene liberata la donna detenuta a Córdoba dopo la morte del suo compagno