Oggi si gioca il Maule Classic

In vista della sfida pomeridiana di oggi, stando ai numeri a disposizione, la bilancia penderebbe chiaramente a favore dei Rangers (immagine CDP Curicó Unidos).

Aspettativa. I Rangers arrivano da leader del campionato in un momento applaudito, mentre Curi resta difficile in fondo alla classifica del torneo promozione.

CURICÓ. Ha giocato per la Coppa del Cile nella stagione 2021 con un pareggio per 1-1 a La Granja e un nuovo pareggio con un gol nel Fiscal Talquino, anche se a causa dei calci di rigore la squadra rossonera ha festeggiato il passaggio al turno. Per i punti nel torneo di promozione, Rangers e Curicó Unidos non si affrontano dall’aprile 2017, poco più di sette anni fa, quando i Piducanos batterono il Curi 2-0 per il campionato di Primera B, dove i Curican avrebbero festeggiato il titolo. Intanto, l’ultima vittoria ai punti dei Curicanos nella classica di Maulino risale al torneo di promozione del 2015 quando con un gol solitario di Juan Pablo Cárdenas, i Curicanos festeggiarono a La Granja e quella stessa stagione festeggiarono anche a Talca, vincendo 2- 1 con gol di Yashir Pinto e Juan Silva. Questo è successo quasi dieci anni fa, perché dopo che Curicó Unidos ha giocato in Prima Divisione nei sette anni precedenti e i Rangers sono rimasti in promozione, questo 2024 giocheranno ancora per fare punti e il primo dei due appuntamenti è oggi, dalle 17:00: 30 nella Procura di Talquino.

SCALA CARICATA
Si gioca oggi senza i 500 biglietti richiesti per i tifosi dei Curican, autorizzando la vendita dei biglietti solo per i tifosi locali, anche se sui social network ci sono diversi tifosi dei Curican che annunciano di aver acquistato i biglietti per essere presenti nella tribuna del Pacífico, qualcosa che sicuramente i responsabili della sicurezza devono considerare oggi. Sarà il duello tra i Rangers, leader del campionato, 22 punti, sette vinte, un pareggio e due sconfitte, contro un Curicó Unidos penultimo in classifica, 8 punti, con solo due vittorie finora in campionato, due pareggi e sei sconfitte, sarà la partita tra i Rangers L’argentino Juan José Luvera che non perde da cinque partite, che presenta la migliore difesa del campionato con soli sette gol subiti e che è la squadra che vince di più e perde di meno nel torneo, per qualche motivo si sono consolidati come i leader della competizione. D’altra parte, questo Curicó Unidos ha già esonerato il suo allenatore Francisco Bozán e oggi guiderà per la seconda volta Miguel Riffo ad interim, in una squadra che non ha segnato nemmeno un punto da ospite (quattro sconfitte nel 2024), e ha non segna gol in quattro partite, non vince da sei partite ed è il peggior attacco del torneo con solo sette gol segnati in 10 partite giocate. L’equilibrio era chiaramente inclinato nel precedente a favore dei Rangers, anche se i Curicani intendono il classico di oggi come la possibilità che la partita abbia un effetto “trampolino di lancio”, per acquisire fiducia e recuperare per quello che verrà.

SI VESTONO L’ALBIRROJA
Due ex campioni del Curicó Unidos saranno oggi rivali degli albirrojos che vestono la maglia rossonera. Si tratta di quello allenato nelle giovanili del Curi, Christopher “Coca” Díaz, che dopo aver esordito e aver fatto parte per sette anni dei professionisti del Curi, oggi veste la maglia dei Rangers, totalizzando più di 120 partite con la squadra nelle ultime cinque stagioni maglia rossa e nera. Díaz è stato campione nel 2017 con il Curicó Unidos, facendosi tatuare sul corpo anche la coppa e la fascia rossa, lo stesso titolo che ha celebrato Alfredo Ábalos, oggi capitano dei Rangers e che in quel ciclo ha giocato 58 partite segnando 14 gol con la maglia del Curi. Ábalos aggiunge oggi la sua quarta stagione nella squadra Talquino, già con più di 125 partite ufficiali in difesa dei Rangers. Oltre a Rangers-Curicó Unidos, per il torneo di promozione oggi giocheranno Antofagasta-Limache dalle 12:30.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV F2 Argentina: il Baztarrica resta imbattuto
NEXT Il presidente Petro di fronte allo scandalo dell’UNGRD