Si contano già 78 morti e più di 115.000 sfrattati

Con intere città sott’acqua e migliaia di persone tagliate fuori dalle comunicazioni, nella più grande catastrofe climatica regione dile inondazioni nel sud del Brasile lasciano finora 78 morti e più di 115.000 sfrattatihanno detto le autorità domenica.

Dal momento che strade allagate o dall’aria, le immagini sono devastanti: case i cui tetti sono appena visibili, persone che hanno perso tuttoe il centro del moderno Porto Alegre, la capitale dello stato di Rio Grande do Sulcompletamente allagato.

Più di 3.000 persone, comprese militari, vigili del fuoco E membri della brigata, lavorano nel salvataggio dei residenti rimasti isolatiin molti casi senza forniture di base come acqua O energia elettrica. Anche nel ricerca delle persone scomparse, che secondo la Protezione Civile sono ormai 105.

Strada allagata nel centro storico di Porto Alegre, AP Photo

Lula si è recato a Porto Alegre e ha promesso risorse per affrontare la tragedia

“È uno scenario di guerra e dovrà avere anche un trattamento postbellico”ha espresso il governatore dello Stato, Eduardo Leite, insieme al presidente brasiliano, Luiz Inácio Lula da Silva.

Il presidente si è recato nello stato meridionale domenica per la seconda volta questa settimana per coordinare le azioni volte a mitigare una tragedia che continua a crescere. Il governo federale “accelererà la consegna di tutte le risorse necessarie” per la ricostruzione, ha promesso Lula, il giorno dopo Leite ha invocato un “piano Marshall” per lo stato di 11 milioni di abitanti. Si moltiplicano le richieste di donazioni nelle 341 città colpite, così come le azioni di solidarietà.

Eduardo Bittencourt, UN uomo d’affari 36 anni, a Porto Alegre ha spiegato come fare è stato organizzato con un gruppo di volontari il salvataggio alle persone intrappolate nelle loro case con veicoli di tipo pick-up. “Le cose sono molto complicate, stiamo aiutando coloro che possiamo aiutare, ma è la legge della natura”, ha detto all’AFP.

Il personale dell’esercito lavora per l’installazione ospedali da campo, perché centinaia di pazienti devono essere stati evacuato dei centri di assistenza medica. Dalle scuole alle carceri, tutti i tipi di infrastrutture sono state colpite.

A causa delle inondazioni, i residenti abbandonano le loro case con alcuni averi nel comune di Canoas, in Brasile. Foto AP.

Lui L’approvvigionamento idrico è interrotto nel 70% di Porto Alegre -di quasi 1,4 milioni di abitanti- e la sua regione metropolitana, che ha intere città sommerse, come Canoas, Guaíba ed Eldorado.

Nel strade di Guaíba, oggi trasformate in fiumi, centinaia di barche, gommoni e moto d’acqua vanno e vengono senza sosta per soccorrere i residenti intrappolati, bagnati, senza elettricità. E le acque avanzano incontrollate verso le metropoli. Secondo l’ufficio del sindaco, Il livello del fiume Guaíba situato nella città ha segnato 5,30 metri, sopra il record di 4,76 metri registrato durante le inondazioni storiche del 1941.

Rosana Custodio, infermiera di 37 anni, giovedì è riuscita a lasciare la sua casa di Porto Alegre e ad arrivare con la famiglia a casa della suocera. «Mio marito ha messo le mie due bambine su un kayak e ha remato con una tacuara (asta). “Io e mio figlio abbiamo nuotato fino alla fine della strada e abbiamo iniziato a camminare nell’acqua fino al collo.”ha detto all’AFP in un messaggio WhatsApp.

Ma venerdì la storia si è ripetuta. “Siamo stati salvati da una barca di amici”. Da allora è con la sua famiglia in un rifugio. “Abbiamo perso tutto ciò che avevamo.”

Come lei, più di 18.000 persone sono state ospitate nei rifugi. La situazione eccezionale ha Porto Alegre praticamente assediato. La Polizia stradale ha riferito all’AFP che l’accesso da sud è interrotto a circa 15 chilometri di distanza, mentre l’accesso alla città è ancora possibile da nord. L’aeroporto internazionale di Porto Alegre, di chi è la traccia sott’acqua, È chiuso a tempo indeterminato.

Porto Alegre, una città fondata da immigrati portoghesi nel 1772 e situata nel mezzo di un’enorme spartiacque, Si è sviluppata sotto l’influenza del suo porto, che è stato fondamentale per la crescita di Brasile, recensione sul tuo sito web Società per lo sviluppo andino (CAF). Oggi quella benedizione si è trasformata in una disgrazia.

Il governatorato di Rio Grande do Sul ha messo in guardia dal pericolo di nuove frane o crolli stradali, che hanno già tagliato innumerevoli strade in tutto lo Stato e anche nello stato confinante. Santa Catarina.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Notizie Ibagué:L’aeroporto di Perales si prepara a ricevere voli notturni
NEXT Confermano che la trasmissione “Sin Filtros” si è conclusa con una sparatoria