Ricardo Martínez ha difeso l’attività mineraria e ha sottolineato la classe politica

Ricardo Martínez ha difeso l’attività mineraria e ha sottolineato la classe politica
Ricardo Martínez ha difeso l’attività mineraria e ha sottolineato la classe politica

Dopo DIARIO DI HUARPE ha pubblicato l’opinione degli abitanti di Iglesia, che ritengono che l’impatto di due decenni di investimenti minerari non abbia fornito loro né sostenibilità né equità sociale, il presidente della Camera Mineraria di San Juan, Ricardo Martínez, ha affermato che “Iglesia non è Dubai, perché non c’è gente come Dubai.” Il leader del settore ha anche sottolineato che ci sono “colpe condivise” con la politica, poiché “le aziende non hanno il potere di controllo”.

Martínez non ha esitato quando gli è stato chiesto chi ha la responsabilità che “la Chiesa non è Dubai” e ha affermato che “non spetta alle compagnie minerarie esercitare il potere di sapere come vengono investiti i miliardi e centinaia di milioni di dollari lasciati dall’industria. ” in chiesa. Questo spetta al Governo, alla Corte dei Conti e a tutti gli organi di controllo che devono controllare l’efficienza perché non vada sprecata”.

La difesa dell’attività mineraria nella Chiesa e nella provincia, in generale, è stata proseguita dal presidente della Camera Mineraria quando ha affermato che “sicuramente su 100 persone di San Juan, ce ne saranno due o tre impazienti, ma è il mio turno di dire che “Sono stati investiti molti milioni di dollari”.

Per quanto riguarda l’opinione raccolta dagli abitanti di Las Flores, Bella Vista, Villa Iglesia, Tudcum, Rodeo e Angualasto DIARIO DI HUARPEin cui hanno espresso la sensazione che nelle loro città ci siano bisogni primari non soddisfatti, come alloggio, acqua potabile, sanità e trasporti nonostante decenni di attività mineraria, Martínez non è d’accordo con queste affermazioni e ha affermato che “molti di questi fondi sono stati utilizzati dal comune per diverse opere e molto altro ancora, le aziende hanno investito in fondi fiduciari per consentire il miglioramento dell’irrigazione, lo sviluppo sociale di diverso tipo, gli ospedali, tra gli altri”.

Ha anche detto che “abbiamo avuto un incontro nel dipartimento con 200 persone e sebbene ci siano state critiche su come e dove sono stati investiti gli importi minerari, nessuno ha suggerito che l’attività non fosse positiva per il dipartimento”.

Come il RIGI influirà sull’attività mineraria di San Juan

Con il voto dei sei legislatori nazionali di San Juan, è stato approvato l’articolo del Regime di Incentivazione dei Grandi Investimenti (RIGI) e l’industria mineraria ha festeggiato di aver ottenuto tale sostegno. Una delle voci che lo hanno espresso è stata quella dello stesso Martínez, il quale ha affermato che ciò consentirà di “dare sicurezza agli investimenti che da anni aspettano che esista la sicurezza che è andata perduta in questi tempi. Il RIGI ci permetterà di riaffermare ciò che è stato realizzato nel 1993, che ha fatto sì che l’Argentina, e San Juan in particolare, diventassero una destinazione positiva per gli investitori che potevano investire miliardi di dollari. Ciò abbasserà la base imponibile che è cresciuta negli ultimi tempi e che sta rallentando gli investimenti”.

Il presidente della Camera mineraria ha inoltre affermato che “questo ci consentirà di stabilire una nuova fase di crescita, ma non dobbiamo ignorare che abbiamo lavorato tutto questo tempo affinché questa volta si possa realizzare e i progetti possano essere lanciati . Per anni c’è stato un programma di sviluppo che aspettava che queste norme si materializzassero”.

Infine, Martínez ha affermato che “speriamo che quest’anno i benefici fiscali della RIGI abbiano già un impatto, ma allo stesso modo aspettiamo l’approvazione del Senato per comprendere meglio la prospettiva. Naturalmente l’ideale è consolidare e accentuare rapidamente gli investimenti previsti, soprattutto nel rame”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Condanna dei giovani all’olocausto › Cuba › Granma
NEXT Piogge di bassa intensità nel dipartimento