Continua il calo sostenuto del numero di casi di dengue – El Día de Gualeguaychú

Continua il calo sostenuto del numero di casi di dengue – El Día de Gualeguaychú
Continua il calo sostenuto del numero di casi di dengue – El Día de Gualeguaychú

Questa è la sesta settimana consecutiva in cui la provincia di Entre Ríos presenta una diminuzione del numero di contagi, dopo il picco registrato a metà marzo.

Le informazioni aggiornate con i dati corrispondenti alla settimana epidemiologica 18 (che va dal 28 aprile al 4 maggio) possono essere consultate nel monitoraggio dei casi di dengue, disponibile sul sito web del Ministero della Salute di Entre Ríos (https:/ /www.entrerios .gov.ar/msalud/monitorcovid-19/index.html).

Da notare che, negli ultimi sette giorni, i dipartimenti che hanno segnalato il maggior numero di casi sono stati Paraná (272), Concordia (200), Federación (143), Uruguay (129) e Villaguay (105).

Allo stesso modo, dei 1.031 casi registrati nel sistema di caricamento dei dati durante la settimana epidemiologica 18, 499 hanno manifestato i sintomi nell’ultima settimana.

Inoltre, nel periodo dal 1 agosto 2023 al 5 maggio 2024, la provincia registra un totale cumulativo di 18.808 casi segnalati.

Infine, la Direzione Generale di Epidemiologia ha precisato che nello stesso periodo sono stati effettuati 957 ricoveri (di cui 61 nell’ultima settimana); di cui 80 hanno richiesto il ricovero in terapia intensiva (tre di questi casi corrispondono all’ultima settimana).

Prevenzione

Anche se si prevede che i contagi continueranno a diminuire di settimana in settimana, non dobbiamo perdere di vista il fatto che la malattia non si trasmette da persona a persona ma piuttosto attraverso la zanzara Aedes a Egypti. Ecco perché è fondamentale mantenere azioni preventive, come la pulizia delle superfici e dei contenitori che trattengono l’acqua, dove si riproduce la zanzara emittente.

Se riusciamo a mantenere queste abitudini nel tempo, vedremo un impatto benefico anche a lungo termine. Questo perché le uova che le femmine di Aedes a Egypti depongono in questo periodo dell’anno riescono a sopravvivere alle basse temperature e rimangono vitali fino all’arrivo della primavera. Pertanto, pulendo i contenitori ed eliminando ogni elemento che possa trattenere l’acqua, contribuiremo anche a limitare la presenza della zanzara trasmittente nella prossima stagione.

Sintomi

È importante tenere presenti le manifestazioni della malattia per sapere per quali segnali rivolgersi ai servizi sanitari.

I sintomi più comuni includono: febbre, nausea e vomito, arrossamento e infiammazione della pelle e forte dolore alla testa, dietro gli occhi, ai muscoli e alle articolazioni.

Ma non sono gli unici. La malattia può avere anche forme gravi e causare la morte. Pertanto, dovresti recarti immediatamente in una struttura sanitaria se presenti uno qualsiasi dei segnali di allarme come dolore addominale intenso e continuo; vertigini o svenimenti; vomito persistente; intolleranza ai liquidi e agli alimenti; sonnolenza; irrequietezza o irritabilità e/o sanguinamento.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Protestano contro la potatura degli alberi a Córdoba in piena primavera
NEXT Cuba è rimasta imbattuta nella boxe preolimpica