L’Orchestra Sinfonica di Salta prosegue con la sua stagione 2024

L’Orchestra Sinfonica di Salta prosegue con la sua stagione 2024
L’Orchestra Sinfonica di Salta prosegue con la sua stagione 2024

Giovedì prossimo, 9 maggio alle 21, vibrerà il Teatro Provinciale Juan Carlos Saravia sotto la direzione di Elizabeth Vergara Gallego. Il corpo stabile proporrà un programma accattivante che trasporterà il pubblico attraverso epoche ed emozioni diverse.

Il concerto presenterà brani eccezionali del repertorio classico, tra cui spiccano il “Concerto per clarinetto n. 1, op. 1” di Bernhard Henrik Crusell e la “Sinfonia n. 3, op. 56, scozzese” di Félix Mendelssohn. Ad interpretare questi capolavori ci sarà l’esibizione del solista Raúl Traver Castelló al clarinetto.

I biglietti saranno disponibili per l’acquisto su www.saltaticket.gob.ar e al botteghino del Teatro Provinciale. Inoltre, studenti e senior potranno accedere ai biglietti gratuiti esclusivamente presso la biglietteria del Teatro Provinciale, presentando le relative credenziali.

A proposito dei compositori

Bernhard Henrik Crusell fu un importante compositore e clarinettista svedese-finlandese nato nel 1775 e morto nel 1838. È considerato uno dei clarinettisti più importanti del suo tempo e uno dei principali compositori di clarinetti del periodo classico e romantico.

Crusell ha sviluppato la sua carriera musicale in Svezia e Finlandia, distinguendosi per il suo virtuosismo come clarinettista e per le sue composizioni per questo strumento. È particolarmente noto per la sua serie di tre concerti per clarinetto, di cui il Concerto per clarinetto n. 1, op.

Le sue composizioni sono apprezzate per la loro eleganza melodica, l’ingegnosità armonica e la capacità di esplorare le possibilità tecniche ed espressive del clarinetto. Crusell ha contribuito in modo significativo al repertorio dello strumento e ha lasciato un’eredità duratura nella musica classica.

A proposito di Felix Mendelssohn

Félix Mendelssohn fu un influente compositore, pianista, direttore d’orchestra e pedagogo del periodo romantico. Nacque il 3 febbraio 1809 ad Amburgo, in Germania, e morì il 4 novembre 1847 a Lipsia, in Germania.

Mendelssohn era un prodigio sia del pianoforte che della composizione. È noto per il suo brillante stile melodico, la sua capacità di sviluppare forme musicali classiche e il suo uso magistrale dell’orchestrazione. Tra le sue opere più famose ricordiamo l’ouverture “Sogno di una notte di mezza estate”, il suo “Concerto per violino in mi minore”, le “Sinfonie scozzesi” e “Italiane”, nonché la sua “Sinfonia n. 4 in la maggiore, Op. 90 , Italiana”.

Oltre al suo talento come compositore, Mendelssohn fu anche un noto direttore d’orchestra e giocò un ruolo cruciale nel rivitalizzare l’interesse per la musica di Johann Sebastian Bach. Fondò la Bach Society nel 1839 e diresse la prima esecuzione ottocentesca della Passione secondo Matteo di Bach nel 1829.

Mendelssohn ha lasciato un’eredità duratura nella musica classica e rimane ampiamente ammirato e studiato oggi per il suo genio creativo e il suo impatto sullo sviluppo della musica romantica.

La sua opera “Sinfonia n. 3, op. 56, scozzese” farà parte del repertorio in programma giovedì prossimo, 9 maggio alle 21, al Teatro Provinciale Juan Carlos Saravia.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV CARPA organizza un forum sull’export per le aziende vinicole
NEXT Lo studio rivela che la maggior parte dei campi si è formata dopo il primo governo di Piñera