Le azioni tecnologiche testimoniano i deflussi mensili di fondi esteri più alti in quasi due anni

I titoli informatici e tecnologici generalmente registrano un deflusso quando i tagli dei tassi diventano incerti negli Stati Uniti. I titoli IT, tuttavia, sono aumentati leggermente con il riemergere dei discorsi sui tagli dei tassi negli Stati Uniti, afferma Anil Kumar Bhansali, capo del tesoro e direttore esecutivo di Finrex Treasury Advisors.

“In definitiva, ritengo che gli Stati Uniti opterebbero per tagli dei tassi entro la fine dell’anno o all’inizio del nuovo anno, il che farebbe salire i titoli IT. Quindi è il momento opportuno per acquistarli durante i cali”, ha spiegato Bhansali.

Gli investitori stranieri hanno venduto azioni per un valore di circa 1,04 miliardi di dollari nel mese di aprile. Ciò avviene quando l’indice NSE Nifty IT è diminuito di quasi il 5% il mese scorso rispetto ai guadagni dell’1,2% del benchmark del paese: NSE Nifty 50.

I mercati sono ai massimi storici e c’è stata una manifestazione pre-elettorale. “Non è così forte come in passato. Più di ogni altra cosa, gli FPI risponderanno ai cambiamenti nei rendimenti obbligazionari statunitensi. Se i rendimenti obbligazionari statunitensi diminuiscono e l’economia e i mercati indiani vanno bene, diventeranno acquirenti aggressivi”, ha detto VK Vijayakumar, capo stratega degli investimenti, Geojit Financial Services.

L’aumento osservato nell’indice di volatilità indiano o VIX mostra che il mercato può sperimentare condizioni meteorologiche turbolente nel breve periodo. “⁠La decisione della Fed indica tagli dei tassi molto inferiori alle attese all’inizio di quest’anno. L’inflazione è rimasta persistente a livelli più bassi e gli ultimi dati sull’occupazione negli Stati Uniti indicano un rallentamento dell’economia e, pertanto, potrebbero essere necessari tagli dei tassi”, ha aggiunto Vijayakumar.

L’ottimismo è comunque ancora alto. “L’India sembra essere in una lega completamente diversa, e non mi aspetto alcun calo nei flussi in entrata dopo le elezioni, a meno che non si verifichi un risultato molto sfavorevole. Quindi i flussi continueranno dopo le elezioni”, ha aggiunto Bhansali.

Le azioni IT sono state seguite dal settore dei servizi finanziari, dove gli investitori esteri hanno incassato azioni per un valore di circa 1,12 miliardi di dollari, secondo i dati NSDL.

I dettagli sugli investimenti esteri e sugli investimenti per singole azioni non erano immediatamente disponibili. Tuttavia, il 9 aprile, Bain Capital ha ceduto le sue intere azioni da 3,33 crore di Axis Bank Ltd. per Rs 3.566 crore sul mercato aperto. Tra gli acquirenti delle azioni cedute figurano Societe Generale, l’unità Singapore di Morgan Stanley, l’unità Singapore di Goldman Sachs e BofA Securities.

Citigroup Global Markets Mauritius ha acquistato 66,97 lakh azioni o una quota azionaria dell’1,11% in RBL Bank Ltd. il 9 aprile, mentre Copthall Mauritius Investment ha venduto 66,97 lakh azioni o una quota azionaria dell’1,11%.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Le misure statunitensi mirano a separare il settore pubblico da quello privato a Cuba
NEXT Hanno indetto uno sciopero di 24 ore all’UNL e questo mercoledì non ci sarà attività nelle facoltà