La compagnia mineraria POSCO ha fornito un rapporto sulle procedure della Direzione nazionale della migrazione

La compagnia mineraria POSCO ha fornito un rapporto sulle procedure della Direzione nazionale della migrazione
La compagnia mineraria POSCO ha fornito un rapporto sulle procedure della Direzione nazionale della migrazione

Il Ministro del Governo, dei Diritti Umani e del Lavoro, Ricardo Villada Ha ricevuto i dirigenti di POSCO Argentina, Kim Kwangbok, presidente della società coreana, e il direttore, Sungjin Yoon. All’incontro hanno partecipato anche il coordinatore generale del Ministero del Governo, Javier Solá, e il segretario del Lavoro, Alfredo Batule.

Per quanto riguarda le ispezioni effettuate dalla Direzione dell’Immigrazione, nei mesi di marzo e aprile, i dirigenti dell’azienda hanno spiegato che queste operazioni hanno individuato persone di nazionalità coreana che fornivano incarichi a subappaltatori, che erano entrate legittimamente nel paese, ma non avevano il permesso di lavorare.

Sostengono che questa situazione era dovuta al fatto che era necessario completare l’installazione di una conduttura altamente complessa per completare la costruzione dell’impianto commerciale, fase n. 1. In seguito a questi lavori entrava personale coreano specializzato che “una volta terminato il lavoro, sarebbe tornato nel Paese di origine”.

Inoltre, hanno assicurato che la società POSCO si è assunta la propria responsabilità e che nelle ultime due ispezioni effettuate dalla Direzione nazionale della migrazione non sono state rilevate irregolarità. Per quanto riguarda l’assunzione di manodopera di Salta, hanno affermato che “rispettiamo ampiamente il contenuto locale, sia con quote di lavoro locale che superano il 90%, sia con assunzioni locali che si avvicinano all’80%, essendo il minimo richiesto del 70%”.

“POSCO Argentina ha assunto un totale di 66 aziende, di cui 49 di Salta, il che significa che il 74% corrisponde ad assunzioni locali, il 25% provengono da altre province e l’1% sono straniere”, hanno spiegato gli imprenditori.

Regole chiare e controllo

Da parte sua, il ministro Villada ha ringraziato i dirigenti per la loro presenza e ha assicurato che “la Provincia ha un buon legame con l’azienda e che intende riaffermare tale rapporto”. Inoltre, ha spiegato che attraverso il Ministero del Lavoro e altri settori dell’Esecutivo si lavora, congiuntamente, per realizzare controlli efficaci a livello provinciale, legati alle assunzioni e alla sicurezza del lavoro.”

“Da parte del governo forniamo regole chiare per l’esplorazione e lo sfruttamento sostenibile delle nostre risorse, dal punto di vista legale, così come i controlli necessari affinché i progetti realizzati rientrino nel quadro della legge”, ha spiegato il funzionario. provinciale.

POSCO funziona

L’azienda coreana è prossima all’inaugurazione dei suoi due impianti in costruzione che fanno parte della fase 1 del progetto, che consiste in un impianto commerciale di fosfato di litio situato nel Salar del Hombre Muerto e un impianto commerciale di idrossido di litio situato nel parco industriale General Güemes . L’investimento ammonta a circa 800 milioni di dollari.

Con una capacità produttiva di 25.000 tonnellate all’anno che farà di Posco Argentina la prima azienda a produrre idrossido di litio nella Repubblica argentina, trattandosi del primo mega investimento nel paese da parte di un’azienda sudcoreana.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il virus tipo dengue è già diffuso in Colombia, c’è qualche rischio a Cúcuta?
NEXT Mercoledì molto freddo nella città di Santa Fe: quali sono le previsioni