Struttura disvertebrata del Clan del Golfo a Magdalena Medio – CorrillosR

Il sindaco di Barrancabermeja, Jonathan Vásquez Gómez, ha confermato la sua dedizione all’estorsione contro imprenditori, coltivatori di palme e trasportatori B/meja. Tra i catturati, 2 capobanda.

Ciò è stato confermato anche dalla forza pubblica che opera a Magdalena Medio, sottolineando che tra i catturati ci sono due leader finanziari della sottostruttura Edgar Madrid Benjumea e che gli interventi sono avvenuti nei comuni di Barrancabermeja, San Pablo, Simití, Gamarra, Cantagallo e Puerto Boyaca.

La polizia nazionale ha riferito che la prolungata operazione “Esparta” ha portato allo smantellamento della sottostruttura Edgar Madrid Benjumea del Gulf Clan, noto per le sue attività criminali nella regione di Magdalena Medio.

Durante l’operazione Sparta, otto persone sono state catturate, tra cui due leader finanziari ricercati per reati di estorsione e associazione a delinquere. In questa azione coordinata c’è stata la collaborazione tra la Polizia Nazionale, l’Esercito Nazionale e la Procura Generale.

I comuni di Barrancabermeja, San Pablo, Simití, Gamarra e Puerto Boyacá sono stati teatro di questi interventi simultanei, che hanno portato all’arresto dei membri di questa organizzazione criminale. Tra gli oggetti sequestrati ci sono tre dispositivi cellulari utilizzati per effettuare chiamate e messaggi a scopo estorsivo.

Il colpo inferto al Clan del Golfo si basa sulle denunce presentate da una decina di vittime, tra cui sindacati di commercianti, trasportatori, coltivatori di palma e imprenditori Ecopetrol nel sud di Bolívar. L’indagine approfondita, durata circa un anno, ha consentito la raccolta di prove convincenti attraverso intercettazioni telefoniche, follow-up e interrogazioni nei database.

I detenuti, che ricevevano ingenti somme di denaro dalle loro attività criminali, hanno esercitato pressioni sulle vittime attraverso intimidazioni con armi da fuoco, convocazioni in zone rurali e minacce di utilizzo di ordigni esplosivi. Hanno addebitato somme che andavano da 30mila pesos per ettaro di palma da olio piantato a un milione di pesos al mese per stabilimento commerciale.

Tra i catturati spiccano “Alitadepollo”, leader finanziario urbano con influenza in diversi comuni della regione, e “Marquitos” o “Alacrán”, un altro leader finanziario urbano. Sono state arrestate anche persone come “Pájaro”, “Kalet”, “Carvajal”, “Jesús”, “Irene” e “La Mona”, che hanno svolto un ruolo chiave nella raccolta di estorsioni e nell’esercitazione di pressioni sulle vittime.

Questa operazione non ha solo avuto un impatto sulle strutture finanziarie e logistiche del Clan del Golfo, ma rappresenta anche un duro colpo alla sua capacità operativa nella regione della Magdalena Medio.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il sindaco della Colombia aumenta l’importo del trasferimento per le persone di età superiore a 80 anni
NEXT L’esercito cileno percorre 65 chilometri e scala il vulcano Lautaro di 3.623 metri a Campo de Hielo Sur