Chiavi per comprendere l’impatto della legge Bases a San Juan

Chiavi per comprendere l’impatto della legge Bases a San Juan
Chiavi per comprendere l’impatto della legge Bases a San Juan

Martedì, il Senato della Nazione ha iniziato l’esame del disegno di legge della cosiddetta “Legge Base”, così chiamata perché mira ad apportare un cambiamento globale in vari aspetti come la regolamentazione del lavoro e della tassazione e promuove anche un regime di incentivi per i grandi investimenti. Per sapere come guardare questo pacchetto di leggi da parte del mondo imprenditoriale, in particolare delle PMI, ha parlato con Zonda Diario Dino Minnozzititolare del Federazione Economica di San Juan (FESJ).

“Lo vediamo bene perché sono leggi che regolano e parlano di modernizzazione del lavoro e di regolarizzazione della burocrazia. Crediamo che nessuno possa essere contrario”, ha introdotto l’imprenditore.

In questo senso, ha spiegato la sua visione economica sottolineando che l’economia ha tre punti che devono essere affrontati: “Primo, tasse basse, perché l’Argentina ha un’alta pressione fiscale. Secondo, modernizzazione del lavoro, perché ci sono contributi e contributi che sono non vanno ai lavoratori e sono il 60% di quanto dobbiamo incassare. Infine bisogna risolvere il problema della burocrazia, delle normative, dei controlli e di tutto ciò che rallenta l’economia.

Quando si vedranno i cambiamenti?

“Non è facile, ma penso che sarà una crescita eterogenea, non omogenea. Alcuni settori partiranno prima di altri, quelli che sono in grado di esportare e che hanno i macchinari in buono stato e il prodotto pronto, e che diano le condizioni perché possano esportare con sicurezza giuridica, lavorativa e fiscale, cominceranno per primi”, ha risposto Minnozzi.

L’imprenditore ha sottolineato che l’idea di questo pacchetto di leggi è che ci sia una regolarizzazione del lavoro, “poiché ci sono molte persone che lavorano in modo informale e quando tutto sarà formalizzato, sia il lavoratore che l’imprenditore saranno più tranquilli”.

Com’è la situazione economica a San Juan?

“Abbiamo ricevuto un rapporto da CAME e vediamo un rimbalzo dell’attività commerciale. Anche se è ancora negativo, ci dà il 7,3% in meno rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, ma l’1,6% in più rispetto al mese precedente. Quindi dà il L’impressione è che ci sarà una ripresa dell’attività commerciale, cosa che consideriamo incoraggiante. Manca ancora, ma vista l’attività ragionevole, ciò potrebbe avvenire nei prossimi mesi”, ha spiegato l’imprenditore. In questo senso, ha spiegato che se i dati nazionali arrivano a San Juan, i dati vengono inviati e sono nella media.

E per chi conosce i grafici economici, Minnozzi sottolinea che il rapporto dà una V, quindi è fiducioso.

Maggiori informazioni sulla situazione

Il commercio al dettaglio continua a risentire della dinamica decrescente del potere d’acquisto dei consumatori, che hanno tagliato la spesa in tutti i settori. L’unico settore emerso da questa tendenza è quello dell’abbigliamento e del tessile, favorito per tre ragioni: per la proliferazione delle offerte; a causa della base di paragone molto bassa, poiché il settore è molto indebolito dopo la pandemia; e a causa del rallentamento dei prezzi di questa particolare voce.

Nel quarto mese dell’anno si è potuto osservare il ritorno delle rate senza interessi in alcuni negozi soprattutto di elettrodomestici e materiali da costruzione, il che ha contribuito a migliorare le vendite.

È quanto emerge dall’Indice delle vendite al dettaglio delle PMI della Confederazione argentina delle medie imprese (CAME), elaborato sulla base di un sondaggio mensile tra 1.276 imprese al dettaglio del Paese, realizzato il 2 e 3 maggio.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Cuba celebra 122 anni di relazioni con i Paesi Bassi
NEXT Chiedono una catena di preghiera per Aysenina che ha avuto un incidente