Hanno rifiutato il rilascio dell’accusato dell’omicidio di un pensionato a Chimbas

Hanno rifiutato il rilascio dell’accusato dell’omicidio di un pensionato a Chimbas
Hanno rifiutato il rilascio dell’accusato dell’omicidio di un pensionato a Chimbas

Questo venerdì, 10 maggio 2024, la giustizia di San Juan ha nuovamente respinto la richiesta di rilascio condizionale di una persona accusata di aver ucciso un pensionato a Chimbas. Si tratta di Luis Darío Endrizzi, sospettato dell’omicidio di Carlos Guillermo Crespillo, l’uomo picchiato e strangolato nel bel mezzo di una rapina in una casa vicino a Calle Oro e Ruta 40.

La richiesta di Endrizzi è stata avanzata dal nuovo avvocato, Paola Miers, ora responsabile della difesa, dopo essere stata coinvolta in una vicenda controversa con la precedente difesa dell’imputato, Carla Manini. Entrambi si presentarono all’udienza dichiarandosi rappresentanti della difesa, ma alla fine il detenuto si rivolse a Miers. Nel mezzo ci fu uno scambio di parole.

È la terza volta che il vicino della vittima chiede di essere rilasciato, ma ancora una volta il giudice di garanzia Javier Figuerola rifiuta. Il magistrato non ha dato seguito a quanto sollevato dall’avvocato ed ex candidato governatore di San Juan e ha preso posizione sulla richiesta del pubblico ministero Ivan Grassi, che ha rifiutato di liberarlo dal carcere.

Caso

Nel dicembre 2023, il pensionato di 79 anni è stato trovato con una cintura al collo e disteso sul pavimento della cucina della sua casa situata in Oro Street, a Chimbas. A quanto pare, hanno ucciso l’uomo per riscuotere la sua pensione: 365.000 dollari. L’assassino o gli assassini hanno poi alterato la scena del crimine per farla sembrare un suicidio, ma non ci sono riusciti. L’anziano era stato trascinato in cucina ed era rimasto lì, a terra.

Quando sono iniziate le indagini, tre sono stati arrestati per il delitto: il nipote della vittima, Maximiliano Roldán Crespillo, 35 anni, e la sua compagna, Yamila Janet Núñez, 31 anni. Poi è caduto Luis Darío Endrizzi, 35 anni, vicino di casa del pensionato e amico di Roldán Crespillo.

Ma, con il passare dei giorni, la raccolta delle prove ha rivolto i sospetti su Endrizzi. Nell’abitazione dell’uomo hanno trovato la tessera SUBE con cui viaggiava la vittima, la documentazione dell’anziano e parte dei soldi che aveva incassato dalla pensione.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Giudici sospettati, vicini di casa disperati e una richiesta condivisa di Giustizia
NEXT Lo studio rivela che la maggior parte dei campi si è formata dopo il primo governo di Piñera