Con una serenata si ricordano i 62 anni dell’Università della Magdalena

Con una serenata si ricordano i 62 anni dell’Università della Magdalena
Con una serenata si ricordano i 62 anni dell’Università della Magdalena

L’Università della Magdalena, in commemorazione dei suoi 62 anni di fondazione e in omaggio ai 500 anni di Santa Marta, ha avuto l’onore di presentare la serenata “El Magdalena Grande le canta a Santa Marta”, nell’ambito della Settimana Culturale di l’istituzione.

La serata, caratterizzata dalla presenza di importanti compositori vallenatosi come Wilfran Castillo, Rafael Manjarrez, Gustavo Gutiérrez, Luis Aurelio ‘Yeyo’ Núñez e Roberto Calderón, accompagnati da uno spettacolare Gruppo Vallenato, ha incantato i presenti con melodie che rendono omaggio al folklore e le radici della regione.

L’evento ha avuto la piacevole presenza di Carlos Pinedo Cuello, sindaco del Distretto di Santa Marta, che ha sottolineato l’importanza dell’Università del Magdalena come faro accademico e motore di sviluppo per la regione.

Ha sottolineato l’impressionante talento degli oltre 24.000 studenti e degli oltre 60.000 professionisti laureati, nonché il riconoscimento istituzionale di alta qualità da parte del Ministero dell’Istruzione Nazionale.

Il sindaco Pinedo Cuello ha espresso la sua più sincera gratitudine all’università e al suo corpo docente per la collaborazione nella costruzione del piano di sviluppo del quartiere. Allo stesso modo, ha sottolineato la presenza di queste illustri figure della musica vallenata le cui opere hanno arricchito il folclore regionale e oltrepassato i confini.

Da parte sua, il Segretario alla Cultura, Darío Linero, ha sottolineato l’importanza del Teatro Santa Marta come icona della città, aperto a tutta la comunità grazie all’accordo firmato con l’Università di Magdalena, guidata dal sindaco Carlos Pinedo Cuello e il rettore Pablo Vera.

I compositori ospiti hanno deliziato il pubblico con le loro interpretazioni, dai successi di Roberto Calderón all’emotività delle canzoni di Gustavo Gutiérrez, passando per la poesia di Luis Aurelio ‘Yeyo’ Núñez e la profondità di Wilfran Castillo.

L’evento è culminato con un incontro in cui i compositori hanno condiviso esperienze e riflessioni sul futuro del vallenato, sottolineando l’importanza di preservare ed evolvere questo genere musicale così profondamente radicato nella cultura colombiana.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV l’aria polare entra accompagnata da pioggia e ulteriori nevicate
NEXT Rioja Bus ha segnalato deviazioni nelle sue linee dopo l’azione della Polizia