Cos’è una lesione della cuffia dei rotatori e perché si verifica?

La cuffia dei rotatori è una struttura cruciale nell’articolazione della spalla, costituita da quattro muscoli e dai relativi tendini: sovraspinato, infraspinato, piccolo rotondo e sottoscapolare. Questa struttura è vitale per la mobilità e la stabilità della spalla, consentendo un’ampia varietà di movimenti. Tuttavia, a causa dell’elevata mobilità e dell’uso costante dell’articolazione, è soggetta a lesioni che possono causare disagio e dolore.

Il traumatologo Sebastián Grin (Mat.5249) ha spiegato a CyD Litoral che gli infortuni alla cuffia dei rotatori sono comuni a causa della partecipazione dell’articolazione della spalla a varie attività fisiche e quotidiane. “La cuffia dei rotatori è una composizione di quattro tendini che si inseriscono a livello dell’articolazione della spalla. Di solito fa male dopo uno sforzo eccessivo o un colpo in quella zona, soprattutto nello sport. Uno dei tendini più soggetti a disagio è il sovraspinato, che va dietro la spalla,” ha spiegato Grin.

Questa struttura è vitale per la mobilità

Lesioni e sintomi

Il traumatologo ha sottolineato che le lesioni della cuffia dei rotatori possono colpire persone di tutte le età, anche se sono meno comuni nei bambini piccoli. Adolescenti e giovani adulti possono sperimentare questi infortuni a causa della pratica di sport ad alto impatto, come il rugby, il basket o la pallavolo, che comportano movimenti ripetitivi sopra la testa. Negli anziani, queste lesioni possono essere causate dall’usura naturale dei tendini.

I sintomi di una lesione alla cuffia dei rotatori comprendono un dolore acuto, che spesso si verifica durante la notte, svegliando la persona con disagio. “Il dolore notturno è comune. I pazienti riferiscono che il dolore li sveglia alle due o alle tre del mattino e sono costretti ad alzarsi per prendere un antidolorifico o fare qualcosa per alleviare il disagio”, ha detto Grin. Tuttavia, ha avvertito che l’automedicazione può mascherare i sintomi e peggiorare la lesione a lungo termine.

Il traumatologo ha sottolineato che le lesioni della cuffia dei rotatori possono colpire persone di tutte le età.

Trattamento

Il trattamento per le lesioni della cuffia dei rotatori varia a seconda della natura e della gravità della lesione. «La procedura iniziale prevede un colloquio con il paziente per capire come si è verificato l’infortunio: se è stato dovuto a un colpo, a un’attività sportiva o a un problema legato alla vita quotidiana. Poi vengono eseguiti test di mobilità della spalla per identificare quale dei quattro tendini è colpiti”, ha spiegato il traumatologo.

Una volta diagnosticata la lesione, può essere ordinata un’ecografia per confermare il tipo di lesione presente, che si tratti di tendinite acuta, tendinosi cronica o rottura del tendine. Il trattamento in caso di tendinite o tendinosi comprende solitamente misure igienico-dietetiche, come modifiche della dieta e l’applicazione di raffreddore locale per ridurre l’infiammazione. Possono anche essere prescritti analgesici lievi per alleviare il dolore.

La fisioterapia svolge un ruolo fondamentale nel trattamento e nel recupero delle lesioni della cuffia dei rotatori. “Il fisioterapista utilizza tecniche come la magnetoterapia, gli ultrasuoni e gli esercizi di rafforzamento dei tendini per ridurre l’infiammazione e migliorare la mobilità della spalla”, ha detto Grin.

b0e86e781e.jpgGuarda ancheQuattro consigli e strumenti da applicare quando il tuo terapista è in vacanza

Nei casi di tendinosi cronica, trattamenti più avanzati, come il plasma ricco di piastrine o la terapia con cellule staminali, possono essere utilizzati per accelerare il recupero ed evitare che la lesione diventi cronica.

Sebbene il recupero sia generalmente possibile, è importante seguire le raccomandazioni del medico e del fisioterapista per evitare ricadute. Il professionista ha sottolineato l’importanza di un’adeguata riabilitazione affinché il paziente possa tornare alle proprie attività quotidiane e sportive. “Una volta completati il ​​trattamento e la riabilitazione, il paziente può tornare alla sua vita normale. Gli atleti possono riprendere i loro sport ad alte prestazioni e gli anziani possono vivere senza dolore”, ha affermato.

6a8d60e404.jpgGuarda ancheGiornata mondiale dell’asma: in Argentina colpisce più di 4,5 milioni di persone

Nei casi più gravi, come la rottura del tendine, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico. “In questi casi cerchiamo il tendine staccato dall’osso e lo rimettiamo al suo posto. L’intervento è relativamente semplice e veloce, ma la successiva riabilitazione può durare circa tre mesi”, ha spiegato Grin.

Il traumatologo ha sottolineato l’importanza di evitare l’automedicazione e di rivolgersi immediatamente a un medico in caso di sintomi di lesione della cuffia dei rotatori. “L’automedicazione non è raccomandata. Dobbiamo consultare un professionista sanitario per ricevere una diagnosi adeguata e un trattamento efficace”, ha concluso.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Cosa si festeggia il 25 maggio in Argentina?
NEXT Río Negro, al vertice dei progetti minerari del Paese – ADN