Il sindaco Jorge ha guidato la celebrazione per il terzo anniversario del Club degli Imprenditori

Nel Centro Culturale Exodus Jujeño, il Comune di San Salvador de Jujuy ha commemorato il terzo anniversario del Club degli Imprenditori, nell’ambito della Giornata Comunale dell’Imprenditoria. Durante l’evento si sono svolte importanti attività, tra cui spicca la firma di accordi con enti di spicco come l’Empresa Bellomo, il Ministero del e dell’Occupazione, il Micro Business Council e l’Istituto di Cooperazione Tecnologica per lo Sviluppo Sostenibile.

A presiedere la celebrazione è stato il sindaco Raúl “Chuli” Jorge, che ha sottolineato l’importanza del Club degli Imprenditori come spazio che promuove l’esposizione, l’unione, la cooperazione e lo sviluppo delle piccole e medie imprese della città, “qualcosa che è un grande sfida oggi nel nostro Paese, nella nostra provincia e qui in città fondamentalmente, una città che non è un polo industriale ma che ha bisogno di sviluppare tante PMI, che ha bisogno di incontri, di formazione e, fondamentalmente, di risvegliare quella fiamma che significa possibilità di opportunità di lavoro. e le uscite dalle future società che si stanno formando perché il club lavora tutti i giorni fino ai fine settimana”, ha indicato.

Allo stesso tempo, ha celebrato la diversità dei programmi che avvicinano i residenti all’attività produttiva, creativa e tecnologica, “con molti contenuti e fin dalla più tenera età, una questione permanente in questo settore, dove inoltre vediamo anche con grande affetto e con grandi aspettative l’adesione di aziende, alcune internazionali, che sempre più si uniscono a questa idea di contribuire all’intera comunità, quindi siamo più che contenti di questi tre anni, raggiungeremo molti altri traguardi e continueremo a lavorare perché crediamo che uno Stato debba risvegliare le iniziative private, dare forma alla microimprenditorialità, e questo è un ottimo strumento per lo sviluppo della nostra città, della nostra provincia e del nostro Paese”.

Da parte sua, la Segretaria di Pianificazione e Ambiente, Adriana Díaz, ha sottolineato che “per il club sono passati più di 950 imprenditori, allo stesso tempo abbiamo anche il Patio degli Imprenditori Sostenibili, un lavoro molto forte in termini di prospettiva di genere e di Dal punto di vista del cambiamento climatico, possiamo dire ad esempio che più del 70% di coloro che si formano sono donne, il che significa fornire strumenti, offrire opportunità, anche lavorando attraverso il Patio con imprenditori che hanno la visione dell’occupazione verde, dell’occupazione dignitosa. , massimizzando l’utilizzo delle risorse, verificando l’utilizzo dell’energia, quindi siamo molto contenti per tutto il lavoro che il club ha svolto e per l’intera squadra che sta lavorando dal comune collaborando a questo ecosistema imprenditoriale.”

Infine, Jimena Jurado, direttrice generale dello Sviluppo, ha espresso la sua soddisfazione per la crescita e il riconoscimento che il Club degli Imprenditori ha ottenuto in questi tre anni, e ha sottolineato che “il Club degli Imprenditori è aperto tutti i giorni della settimana, compreso il sabato”. laboratori sia al mattino che al pomeriggio e il coworking è attivo tutti i giorni dalle 8.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 20.00.”

Inoltre, è stata menzionata la firma di un accordo con la società REMAX lo scorso anno, che ha permesso l’inserimento di nuove iniziative nel club, come la presenza della famosa relatrice internazionale Sofía Stamateas, che, in l’occasione, ha tenuto un discorso sulle comunicazioni comunicazioni efficaci per i gruppi di lavoro, descrivendolo come “qualcosa di estremamente positivo per Jujuy, che si aggiunge alla questione delle comunicazioni efficaci per i gruppi di lavoro, quindi abbiamo invitato molti partner strategici a portare le loro attrezzature”.

Nota audiovisiva:

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV “La cerchiamo viva”: terzo giorno di ricerche sulla collina delle Tres Marías a San Juan per ritrovare la tedesca scomparsa
NEXT La modifica inaspettata per ottenere la patente di guida in CABA: i nuovi requisiti