Narino rapito! Il grido disperato di un popolo dimenticato

Narino rapito! Il grido disperato di un popolo dimenticato
Narino rapito! Il grido disperato di un popolo dimenticato

Andrés Charfuelan, presidente dell’Associazione dei camionisti di Nariño, lancia una dichiarazione energica sui continui blocchi sulla Panamericana

Nariño, il dipartimento che un tempo era il cuore della Colombia sudoccidentale, oggi giace rapito, dimenticato e rovinato. È quanto denuncia Andrés Charfuelan, presidente dell’Associazione dei camionisti di Nariño, in un appello urgente alle autorità e all’intero paese affinché non ignorino più la situazione disperata che vivono i suoi abitanti.

Blocchi sulla Panamericana: una dura prova senza fine

I blocchi sulla cruciale autostrada Panamericana non si fermano. Due focus principali hanno soffocato la regione:

  1. Piendamo, I manifestanti che erano a Bogotà il 1° maggio sono lì, ballando, cantando e gridando “Viva Petro!”, bloccando ora il passaggio vitale per l’economia di Nariño.
  2. Settore La Lupa, salendo a Bordo Cauca: Un punto critico dove trasportatori e commercianti vedono le loro attività paralizzate a tempo indeterminato.

Una storia di caos: 37 blocchi in 5 mesi

In soli cinque mesi, la Panamericana ha subito 37 blocchi. Non solo, la Via al Mar verso Tumaco ha subito altri 18 blocchi. Questi numeri non sono solo statistiche, ma riflettono un dipartimento immerso nel caos, dove ogni chiusura rappresenta perdite milionarie e un aumento della sofferenza della sua gente.

Nariño: rapito, dimenticato, rovinato

Il panorama è desolante. L’economia regionale è devastata, l’accesso ai beni e ai servizi di base è sempre più precario e la speranza per un futuro migliore sta svanendo tra le barricate e l’abbandono del governo.

“Non abbiamo persone in lutto”

Andrés Charfuelan non usa mezzi termini: “Nariño non ha persone in lutto”. Un grido che risuona come il grido disperato di un popolo che sente che i propri problemi non sono altro che un’eco perduta nell’indifferenza delle più alte sfere del potere.

SOS, SOS, SOS

L’appello è chiaro e urgente: SOS! Nariño ha bisogno di essere salvato dal rapimento in cui si trova. I suoi abitanti chiedono attenzione, soluzioni e azioni concrete per liberare il dipartimento dalle grinfie dell’anarchia e dell’oblio.

Basta con l’indifferenza! È tempo di agire prima che Nariño diventi una terra di nessuno.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Articolo: Il popolo chiede agli Stati Uniti: rimuovere Cuba dalla lista SST e togliere il blocco
NEXT Sarebbero a disposizione del dipartimento di Nariño più di 400 mezzi al servizio del narcotraffico