Fine del processo per il femminicidio di Agustina Fernández: la commozione della madre mentre la giuria delibera, a che ora sarà il verdetto?

Lunedì scorso è iniziato a Cipolletti il ​​processo per il femminicidio di Agustina Fernández. L’unico imputato, Pablo Parra, la famiglia di Agustina e la giuria popolare, hanno ascoltato attentamente ciascuno dei testimoni che hanno fornito le loro informazioni sull’evento. Oggi il processo si conclude. Dopo le ultime istruzioni, la giuria popolare ha avviato il dibattito per stabilire se Parra sia colpevole della morte del giovane studente. Il sindaco Rodrigo Buteler era presente nella stanza e ha parlato con i media. All’ufficio giudiziario sono intervenuti anche i genitori dello studente ucciso. Adesso il pubblico entrava in una sala di intervallo.

Il pubblico ministero, in dialogo con “Vos al aire” su RÍO NEGRO RADIO, ha sottolineato mercoledì mattina: “Sono convinto della colpevolezza di Parra da prima dell’inizio del processo.

Dopo quasi due anni di attesa, Più di 100 testimoni hanno attraversato l’aula delle udienze di Cipolletti per fornire la loro testimonianza davanti alla giuria popolare nel processo per il femminicidio di Agustina Fernández. Tra loro c’erano amici e familiari della giovane, esperti, agenti di polizia e perfino un ex compagno di Pablo Parra.

Questo mercoledì, intorno alle 8, è iniziato l’ultimo giorno del processo in cui le parti (il denunciante, la Procura e la difesa) hanno presentato le loro ultime argomentazioni. Poi, dopo un quarto intervallo, Guillermo Baquero Lazcano, giudice tecnico del processo, spiegherà le istruzioni alla giuria popolare prima del dibattito.

«Abbiamo potuto portare i testimoni che erano necessari. Commenta e prova”, Lo ha detto il pubblico ministero dialogando con questo medium, pochi istanti prima di entrare nell’ufficio giudiziario dove si svolgevano le accuse.

Santiago Márquez Gauna e il pubblico ministero Martín Pezzetta hanno sostenuto fin dall’inizio del processo che Parra era l’autore dell’aggressione contro Agustina la notte del 2 luglio 2022. Sostengono che l’imputato avrebbe pianificato un taglio per deviare le indagini e avrebbe finto che la giovane fosse stata vittima di una rapina.

Gli avvocati querelanti, che rappresentano i genitori della vittima, aderiscono a questa teoria. Lo sottolineano gli accusatori pubblici e privati Si è trattato di un femminicidio e, avvertono, l’imputato era ossessionato dalla giovane, che lo ha rifiutato. Pertanto, ha deciso di ucciderla. Lo studente è morto tre giorni dopo l’aggressione, all’ospedale Cipolletti.

Il difensore privato Juan Coto ha affermato che proprio se l’obiettivo di Parra era ucciderla, perché l’ha lasciata viva? E avverte che le tracce di Dna che i periti hanno trovato sulle unghie di Agustina sono state confrontate con il profilo genetico dell’imputato e non sono compatibili. Dalla difesa hanno sostenuto nelle argomentazioni di oggi che “L’uomo incappucciato non era Parra” e che l’accusato “non aveva sangue sulle mani”. Ha anche detto che “le linee investigative dell’identikit non sono esaurite”.

Hanno parlato i genitori di Agustina Fernández. Questo mercoledì la giuria popolare emetterà il verdetto. Foto: Florencia Salto.

Pochi minuti dopo le 13, conclusa la discussione, il giudice informò che si sarebbe recato in una sala intermedia e che poi sarebbe stata convocata la giuria popolare, dove avrebbero ricevuto istruzioni affinché potessero poi deliberare.


Femminicidio di Agustina Fernández: la frase della madre per Parra


Mercoledì hanno parlato anche i genitori dello studente. “A lei, signor Parra, dice Agustina, no significa no,” Gli disse Silvana Capello fissando Pablo Parra.

Poi ha parlato Mariano, padre di Agustina Fernández. “Non eravate convinti, vi è stato mostrato”, ha detto alla giuria popolare ringraziandola per la loro presenza.

“Non voglio spostarli, né romperli”, ha detto.

Lo ha detto alla giuria È “nelle tue mani che un assassino non è per strada, sulla tua strada”.


Femminicidio di Agustina Fernández: a che ora si saprà il verdetto?


Anche se era previsto che verso mezzogiorno i membri della giuria popolare si sarebbero riuniti per dare inizio alla discussione, i tempi si sono allungati. Mercoledì si determinerà se Pablo Parra è colpevole del femminicidio della giovane pampa. Intanto, fuori dall’aula, organizzazioni sociali, amici e familiari della vittima Hanno tenuto una manifestazione con lo slogan “la giustizia è perpetua”.

Prima del verdetto, la giuria popolare ha ricevuto istruzioni dal giudice su come sarà l’istanza da svolgere. La deliberazione deve svolgersi in segreto e il verdetto deve essere concordato all’unanimità. «Siete giudici dei fatti«ha assicurato il magistrato.

La giuria avrà un foglio con tre opzioni: se è colpevole, se non hanno raggiunto un accordo e se non è colpevole. Lì devono completare insieme l’opzione scelta.

È stata sollevata la necessità di un dibattito serio – sulla base delle prove presentate durante il processo – e si è chiesto di “aprire la mente” quando si è trattato di discutere. Il giudizio deve avvenire in una prospettiva di genere.

Verso le 16 si comincia La giuria delibererà e il verdetto dovrebbe essere noto entro le 18:00. Non è previsto un orario obbligatorio per questa istanza. Se la sentenza dovesse essere conosciuta questo mercoledì.


Femminicidio di Agustina Fernández: l’emozione della madre mentre la giuria delibera, questo mercoledì


Durante gli otto giorni del processo, diverse persone hanno accompagnato la famiglia di Agustina Fernández nei pressi degli Uffici Giudiziari di Cipolletti. EQuesto mercoledì non fa eccezione, per questo l’organizzazione Ni Una Menos ha invitato ad “accompagnare la famiglia nelle discussioni finali”.

Si incontrano da mezzogiorno a Urquiza e in Spagna. La relatrice principale è stata Silvana Capello, la madre di Agustina: «Lasceremo andare libera questa mostruosità?, ha esordito dicendo.

«Voglio una società in cui tutti possiamo essere. Lasciamo che sia perpetuo o diamo fuoco a tutto”, ha aggiunto emozionata. La sua parola è stata conosciuta subito dopo che la giuria popolare ha iniziato il dibattito.


Ascolta il procuratore Márquez Gauna su RÍO NEGRO RADIO:

Sintonizzati su RÍO NEGRO RADIO. Ascoltateci su FM 90.9 da Neuquén, su FM 91.9 da Roca, su rionegro.com.ar/radio o sulla nostra App (qui per Android, qui per iOS).


Femminicidio di Agustina Fernández: “C’è bisogno di giustizia”, ha detto Buteler


Il sindaco Rodrigo Buteler ha parlato con la stampa durante l’intervallo. Ha osservato che il processo è “molto importante per l’intera comunità”. Ha detto che ieri ha ricevuto nel suo ufficio la famiglia di Agustina Fernández.

Riguardo al ruolo del Comune, ha detto che è a disposizione della Giustizia “in tutto ciò che richiede”.

“C’è grande bisogno di giustizia” ha espresso e sottolineato l’importanza di accompagnare la famiglia durante l’intero processo.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Rafael Dudamel riceve le chiavi di Bucaramanga
NEXT Cuba ratifica il suo impegno di solidarietà con Antigua e Barbuda (+post) – Escambray