L’omicidio del direttore di La Modelo fa scattare misure di emergenza per proteggere il personale dell’Inpec

Il colonnello Elmer Fernández, che ha assunto la direzione di La Modelo dal 4 aprile, aveva chiesto protezione dopo aver ricevuto minacce di morte, ma la sua richiesta non è arrivata in tempo all’UNP a causa della lentezza e della burocrazia del processo.

Le autorità della Polizia, dell’Inpec e del Ministero della Giustizia hanno discusso le ipotesi e le conclusioni preliminari sull’omicidio di Fernández. Colprensa/VANGUARDIA

In risposta all’omicidio del colonnello in pensione Elmer Fernández, direttore del carcere La Modelo di Bogotá, il ministro della Giustizia, Néstor Osuna, ha annunciato oggi l’attuazione di procedure “urgenti” presso l’Unità di Protezione Nazionale -UNP per garantire la sicurezza del personale dell’Istituto Nazionale Penitenziario e Penitenziario -Inpec.

L’omicidio di Fernández, avvenuto nel pomeriggio di giovedì 16 maggio a Bogotá, è stato giustiziato da sicari mentre il regista tornava a casa. Questo tragico evento ha evidenziato la vulnerabilità del personale dell’Inpec alle minacce dei gruppi criminali.

Vorrei che (il processo) fosse più breve

Fine della citazione

Néstor Osuna, Ministro della Giustizia.

“Vorrei che (il processo) fosse più breve”, Si è lamentato il ministro Osuna, sottolineando quanto sia attualmente “regolamentato e dispendioso” il protocollo per la protezione dei funzionari a rischio.

In un consiglio di sicurezza straordinario, le autorità della Polizia, dell’Inpec e del Ministero della Giustizia hanno discusso le ipotesi e le conclusioni preliminari sull’omicidio di Fernández.

Secondo i rapporti, negli ultimi due anni l’Inpec ha registrato 506 minacce contro i suoi funzionari, di cui 263 pendenti e solo 63 hanno ottenuto misure di protezione.

Leggi anche: Petro minaccia di rivolgersi all’Onu se le sue riforme non verranno approvate

Il ministro Osuna ha sottolineato che d’ora in poi l’UNP attuerà procedure di emergenza per valutare ed elaborare più rapidamente le richieste di protezione dei Personale dell’Ipec.

“Per far fronte alle molestie, l’UNP accederà alle procedure di emergenza per l’intero Inpec”, ha affermato Osuna, sottolineando la necessità di accelerare le procedure per salvaguardare i funzionari.

La normativa attuale non prevede l’assegnazione di auto blindate ai direttori delle carceri, aspetto che il Governo intende rivedere in futuro per migliorare la sicurezza di questi funzionari.

Inoltre, Osuna e il direttore dell’Inpec, colonnello Gutiérrez, hanno segnalato che il governo sta considerando una possibile riforma per garantire maggiore protezione alle direzioni carcerarie.

Qui: La Direzione nazionale dell’intelligence nega la persecuzione degli oppositori del governo

La minaccia contro Fernández era stata lanciata attraverso un opuscolo firmato da un detenuto conosciuto come “Pedro Pluma”, che minacciava di uccidere la famiglia del direttore se avesse proceduto al suo trasferimento. Sebbene questa ipotesi non sia stata esclusa, le autorità hanno affermato che non esistevano piani immediati per spostare “Pedro Pluma” dal cortile o dalla prigione.

“A volte arrivano volantini che attribuiscono le minacce a persone o gruppi diversi dagli autori del reato”, ha spiegato il colonnello Gutiérrez, suggerendo che si stanno studiando anche altre ipotesi.

Guarda questo: Mettere in guardia! Il vicedirettore di La Modelo si è dimesso dopo l’omicidio di Elmer Fernández

La comunità carceraria e le autorità rimangono in massima allerta mentre vengono implementate nuove misure di sicurezza per proteggere coloro che sono in prima linea nella lotta contro la criminalità organizzata nelle carceri colombiane.

Con informazioni di Colpresa.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La tremenda serie negativa del Central Córdoba nella Lega Professionistica :: Olé
NEXT Procedure nella pianificazione fisica ora con nuovi programmi