Sciopero nazionale dell’insegnamento questo giovedì: cosa accadrà a Río Negro e Neuquén

La Confederazione dei Lavoratori dell’Educazione della Repubblica Argentina (CTERA) ha annunciato uno sciopero di 24 ore per questo giovedì a tutti i livelli del sistema educativo, sotto la richiesta di ritardi salariali e l’assenza di un richiamo del governo Milei al tavolo paritetico nazionale del settore. A Río Negro e Neuquén hanno preso posizione i sindacati degli insegnanti.

Lo sostengono i sindacati Il governo non ha convocato il comitato paritetico nazionale degli insegnanti per discutere l’aggiornamento dello stipendio iniziale. Inoltre, sottolineano che i salari iniziali sono “al di sotto della soglia di povertà e in alcuni casi al di sotto della soglia di indigenza”.

Nel caso dei docenti universitari, il motivo dello sciopero è che, nonostante il governo abbia rafforzato il bilancio dell’UBA, Si trattava solo di voci quali manutenzione e servizi, non di stipendi.

Nel caso degli insegnanti delle scuole primarie e secondarie, chiedono che il governo nazionale riprenda i pagamenti alle province dal Fondo nazionale di incentivazione degli insegnanti (Fonid).che copre tra il 10% e il 15% degli stipendi degli insegnanti nel paese, e il Teacher Salary Compensation Fund, che cerca di compensare quei distretti che non riescono a coprire il valore dello stipendio minimo degli insegnanti (250.000 dollari).

A Río Negro, Unter si è unito allo sciopero di Ctera per questo giovedì e ha chiesto il “bando per la partecipazione congiunta, la restituzione del Fonid, un aumento del budget educativo e ha anche affermato l’impegno a sostenere le università nazionali”.

Il sindacato degli insegnanti ATEN di Neuquén ha preso la stessa posizione. che ha indetto una manifestazione giovedì alle 11 presso il monumento di San Martín e poi ha tenuto una marcia per la città.


#Argentina

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Dal vivo | Seconda edizione di Fuckup Nights Bucaramanga
NEXT È così che si ottiene il permesso di vendere i prodotti durante il Festival del Folklore di Ibagué